Dopo i cinghiali, arriva l'emergenza nutrie: "La soluzione non è solo abbatterle"

Stimati 700mila esemplari in tutta la regione. La proposta del Codacons

I cinghiali stanno invadendo le zone montane al confine con la Svizzera e arrivano fino alle case, mentre le nutrie sono ovunque nelle zone più pianeggianti. È ancora una volta Codacons a far notare il problema e a rilevare che nonostante siano anni in cui le nutrie si stanno riproducendo senza controllo, la Regione non ha ancora fatto niente. 

«Arginare il problema non significa abbattere le nutrie come qualcuno ha consigliato, ma è necessario trovare rimedi che non prevedano l'uccisione; rimedi che già esistono e che molti esperti consigliano - afferma Marco Donzelli, Presidente del Codacons. Utilizzare mezzi di dissuasione fisici/meccanici o acustici; mezzi di gestione ambientale (come per esempio l'installazione di reti anti-nutria che già si fa a Mantova, Rovigo ed in Emilia-Romagna), oppure ancora il controllo della fertilità, sterilizzando l'animale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como e la Lombardia da domenica volano in zona arancione, riaprono tutti negozi

Torna su
QuiComo è in caricamento