Regione, diplomate 7 nuove guide alpine in Lombardia: tra loro anche Edoardo Albrighi di Fenegrò

Nominate anche 8 aspiranti guide. La cerimonia al Pirellone

Le guide neodiplomate e le aspiranti con l'assessore Cambiaghi e il presidente Pina

C'è anche il comasco Edoardo Albrighi di Fenegrò tra le 7 nuove guide alpine diplomate in Regione Lombardia venerdì 30 novembre 2018. Con loro anche 8 nuovi aspiranti, il primo grado della professione di Guida.

Sono 5 bresciani, 2 lecchesi, 2 valtellinesi, 1 della provincia di Varese, 1 di Monza e Brianza, 1 di Milano, 1 di Mantova di 1 di Como. A mettere nelle mani dei professionisti gli attestati è stata Martina Cambiaghi, Assessore allo sport e giovani di Regione Lombardia, che ha preso parte alla cerimonia tenutasi presso l’Auditorium Gaber di Palazzo Pirelli. Il diploma di Aspirante Guida si ottiene dopo aver superato un duro percorso formativo di due anni e abilita a tutti gli effetti all’esercizio della professione, con poche limitazioni, per lo più relative alla possibilità di operare solo su territorio nazionale. Successivamente, dopo 2 anni di praticantato, gli Aspiranti possono frequentare il corso per l’esame di passaggio per diventare Guida alpina, l’abilitazione che conferisce il titolo finale del percorso professionale.

Chi sono le 7 nuove guide alpine e gli 8 aspiranti

Diplomati Edoardo Albrighi di Fenegrò, provincia di Como, Enrico Domenighini di Breno, provincia di Brescia, Andrea Tocchini di Bovezzo, provincia di Brescia, Giulia Venturelli di Gussago, provincia di Brescia (unica donna neodiplomata), Andrea Ferrari di Cuveglio, provincia di Varese, Claudio Migliorini di Solarolo di Goito, provincia di Mantova, Emanuele Tizzoni di Sedriano, provincia di Milano.

Gli 8 nuovi Aspiranti Guide alpine sono Ivan Baldi di Ponte di Legno, provincia di Brescia, Marco Simoncelli di Montichiari, provincia di Brescia, Marcello Barzanò di Brugherio, provincia di Monza e Brianza, Andrea Maurizio Carì di Cortenova, in provincia di Lecco, Massimiliano Gerosa di Lecco, Michele Colturi di Valdisotto, provincia di Sondrio, Federico Martinelli di Bormio, provincia di Sondrio, Davide Mazzucchelli di Bodio Lomnago, provincia di Varese.

“Un grande in bocca al lupo ai colleghi – ha commentato Fabrizio Pina, presidente del Collegio regionale Guide Alpine Lombardia -.
Le Guide alpine godono del grande privilegio di poter vivere della propria passione, la montagna, che diventa così anche un luogo di lavoro. In particolare agli Aspiranti che iniziano ora il loro cammino professionale rivolgo i miei più sinceri complimenti: la nostra professione non è semplice, richiede anni di impegno e preparazione, e il percorso per diventare Aspiranti e poi Guida è molto duro. Un ringraziamento particolare va a Regione Lombardia per il sostegno e l’attenzione verso la nostra professione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ho voluto fortemente che la consegna dei Diplomi delle nuove Guide alpine si tenesse in Regione Lombardia con una cerimonia ufficiale che potesse dare la giusta importanza ad un evento rilevante per tutto Collegio Guide alpine Lombardia – ha spiegato Martina Cambiaghi, Assessore a Sport e Giovani di Regione Lombardia –. Essere una Guida alpina vuol dire essere il primo testimonial di un territorio, quello lombardo, meraviglioso. Vi ringrazio anticipatamente per il prezioso apporto che potrete veicolare attraverso il vostro impegno e la grande passione per la montagna e per la natura che vi anima. Auguro a tutti buon lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: emersi nuovi elementi

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Come si vive a Como? Ecco le risposte di alcuni abitanti: "Paesaggi bellissimi, ma è una città per vecchi"

  • Como, si sposano i due senzatetto Silvia e Alessandro: il primo incontro fu su una panchina 10 anni fa

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

Torna su
QuiComo è in caricamento