menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Kitchen

Kitchen

Nuova guida Michelin, tra le novità stellate anche il Kitchen di Como

Importante riconoscimento per chef Andrea Casali

Oggi,  25 novembre 2020. è stata presentata la 66a edizione della Guida Michelin Italia, in occasione della quale sono state annunciate le nuove stelle Michelin. Ha fatto inoltre il suo debutto il nuovo pittogramma dedicato alla sostenibilità – la stella verde – assegnato agli chef che promuovono una cucina più sostenibile.

Tra le 29 le novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento in tredici regioni della penisola, figurano 3 new entry  e 26 novità, per un totale di 371 ristoranti stellati. Tra le novità il riconoscimento è stato assegnato anche al Kitchen di Como dello chef Andrea Casali.

3 - Kitchen-Restaurant-Lake-Como - terrazza-2-2-2

Confermati tutti gli 11 . L’evento, trasmesso in Live streaming, è stato condotto da Petra Loreggian con la partecipazione di Federica Pellegrini che, in qualità di Ambassador Michelin, ha annunciato i nomi dei 13 chef ai quali è stato assegnato il simbolo della sostenibilità, la “stella” verde  .
La App Michelin ristoranti con i contenuti della Guida Michelin 2021 sarà disponibile gratuitamente dalle ore 14.00 di oggi per iOS e Android, mentre l’edizione cartacea della Guida sarà disponibile in tutte le librerie a partire dal 26 novembre. Sono tre le novità che portano i ristoranti che “meritano una deviazione”, e quindi le  Michelin, a 37:

La Lombardia rimane la regione più stellata, con 3 novità: 59 ristoranti (3  6  51 ). Il Piemonte, con 2 novità, è sempre in seconda posizione, con 46 ristoranti (1  4  41 ), mentre la Campania, con 3 novità, si colloca al terzo posto del podio, con 44 ristoranti, (6  38 ). A seguire, la Toscana è la regione più ricca di novità (6) per un totale di 43 ristoranti (1  5  36 ) e, infine, il Veneto, a quota 37, con due novità (1  4  32 ).
Tra le province, Napoli è sempre in vetta con 28 ristoranti (6  22 ), Roma conferma la seconda posizione con 23 (1  1  21 ). Milano, scivola dal terzo al quinto posto con 17 ristoranti (1  4  12 ), alle spalle di Bolzano con 20 (1  3  16 ) e Cuneo a quota 19 (1  2  16 ).

Don Alfonso 1890 San Barbato    Donato De Leonardis*    Lavello (PZ)
Relais Blu    Alberto Annarumma    Massa Lubrense / Termini (NA)
Re Santi e Leoni    Luigi Salomone **    Nola (NA)
Lorelei    Ciro Sicignano**    Sorrento (NA)
Osteria del Povero Diavolo    Giuseppe Gasperoni *    Torriana (RN)
Zia    Antonio Ziantoni **    Roma
Essenza    Simone Nardoni**    Terracina (LT)
Nove    Giorgio Servetto    Alassio (SV)
Impronta D'Acqua    Ivan Maniago**    Cavi di Lavagna (GE)
Kitchen    Andrea Casali*    Como
AALTO    Takeshi Iwai    Milano
Borgo Sant'Anna    Pasquale Laera**    Monforte d'Alba (CN)
Piano 35    Christian Balzo    Torino
Casa Sgarra    Felice Sgarra **    Trani (BT)
Poggio Rosso    Juan Camilo Quintero**    Castelnuovo Berardenga (SI)
Gabbiano 3.0    Alessandro Rossi*    Marina di Grosseto (GR)
Franco Mare    Alessandro Ferrarini    Marina di Pietrasanta (LU)
Sala dei Grappoli    Domenico Francone    Montalcino / Poggio alle Mura (SI)
Linfa    Vincenzo Martella    San Gimignano (SI)
Peter Brunel Restaurant Gourmet    Peter Brunel    Arco (TN)
Prezioso    Egon Heiss    Merano (BZ)
Senso Alfio Ghezzi Mart    Alfio Ghezzi     Rovereto (TN)
Vecchio Ristoro    Filippo Oggioni**    Aosta
SanBrite    Riccardo Gaspari **    Cortina d'Ampezzo (BL)
La Cru    Giacomo Sacchetto**    Romagnano (VR)
Amistà    Mattia Bianchi**    San Pietro in Cariano (VR)
* under 30 ** under 35

La Guida Michelin nasce in Francia nel 1900. Era una piccola guida che avevano voluto i fratelli Édouard e André Michelin, i fondatori della Michelin, per aiutare le poche migliaia di automobilisti francesi alle prese con un viaggio che, allora, era spesso avventuroso. Conteneva informazioni pratiche (dove fare rifornimento, dove trovare un’officina, dove cambiare i pneumatici) e indicazioni su dove mangiare e dormire. In Italia, la prima Guida Michelin è del 1956.
La Guida Michelin nasce quindi come aiuto per chi viaggia, come ogni prodotto (pneumatici, carte e guide) Michelin, e continua ad esserlo.
I rigorosi criteri di selezione, applicati in modo omogeneo in 30 Paesi, rendono la Guida Michelin un riferimento nel campo della ristorazione. Gli ispettori Michelin operano in modo anonimo seguendo una consolidata metodologia in tutto il mondo e pagano il conto al ristorante, valutando esclusivamente la qualità della cucina in base a cinque criteri definiti da Michelin: qualità dei prodotti, gusto e abilità nella preparazione dei piatti e nella combinazione dei sapori, cucina rivelatrice della personalità dello chef, rapporto qualità/prezzo e continuità nel tempo e nel menu. Questi criteri sono rispettati dagli ispettori Michelin in Italia, come in Giappone o in Cina e negli Stati Uniti. Ne consegue che la qualità di un ristorante tre stelle è la stessa a Firenze e a New York, così come dev’essere equiparabile la qualità di un ristorante una stella a Napoli e a Londra. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Coronavirus

Como e provincia in zona arancione rinforzata

Coronavirus

Zona arancione fino a domenica 7 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento