menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio (Today)

Foto di repertorio (Today)

Dpcm Natale, famiglie numerose discriminate: i calcoli per capire come e con chi festeggiare

Se i figli sono sotto i 14 anni non contano, ma se sono più grandi e più di uno iniziano a crearsi i primi "problemi"per gli spostamenti

Nei giorni 24, 25, 26 e 27 dicembre entra in vigore la zona rossa decisa dal Dpcm del 18 dicembre: ristoranti, bar e negozi sono chiusi tutto il giorno tranne gli alimentari, le farmacie, le parafarmacie, i tabaccai e quelli di generi di prima necessità; non si potrà uscire di casa se non per ragioni di necessità e urgenza ma sarà consentita per una volta al giorno l'uscita di due persone per fare visita a parenti o amici (ma si dovrà tornare a casa entro le 22); non rientrano nel limite di due persone i minori di 14 anni e chi vive in comuni con meno di 5mila abitanti potrà spostarsi entro un raggio di trenta chilometri; questi spostamenti si possono effettuare con l'autocertificazione.

E fino a qui tutto chiaro. Ma, si sa, tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare e, forse, nel decretare le regole di questo Natale 2020 ci si dimentica di molte difficoltà e, perchè no, perplessità che certe norme possono generare.

Basti pensare ad una famiglia composta da 4 persone. Due adulti e due ragazzi, poniamo uno di 10 anni e uno di 15. È solo un esempio ma, di lettere con simulazioni varie che rispecchiano questa problematica, da Como ma anche dai paesi della provincia, ce ne sono arrivate tante. 

Famigli numerose: in quanti è possibile spostarsi 

Potrebbero recarsi dai nonni con due macchine, ognuno con un figlio, ma in ogni modo, non rispetterebbero precisamente le regole del Dpcm perchè l'uscita è consentita per due persone, una volta al giorno. Non tutti , tra le altre cose,hanno due macchine a disposizione. Quindi diciamo che, in linea di massima, le famiglie numerose o con figli grandicelli dovrebbero starsene a casa e festeggiare tra loro. Oppure, opzione non sempre possibile, chiedere ai nonni prescelti (perchè sia chiaro, o quelli materni o quelli paterni, in quattro sarebbero troppi) di essere loro a spostarsi verso casa vostra. Anche qui bisogna sempre stare attenti al numero dei commensali, al distanziamento e mettere le mascherine. Ma c'è anche da dire che non è molto prudente far spostare i nonni, magari anziani, di questi tempi. 

Se però avete anche 4 figli, ma tutti sotto i 14 anni potrete caricarli serenamente in macchina perchè loro non rientrano nel conteggio. Se tra i 4 c'è un 15enne nulla da fare: o lasciate a casa lui, o rinunciate tutti. Oppure, calcolatrice alla mano, potete cercare una combinazione (un nonno da una parte con l'adolescente, un genitore e gli altri dall'altra, ecc..) e sbizzarrirvi in una soluzione percorribile. 

Un articolo di Panorama dichiara che le famiglie numerose in Italia (nell'ultimo censimento effettuato) sono circa 135mila e fa notare che erano già state discriminate nel decreto di ottobre quando, dove era possibile avere ristoranti aperti, il limite di persone al tavolo era fissato comunque a 6. 

Partendo dal presupposto che il domicilio è inviolabile, sono comunque poche le possibilità per chi ha più di due figli (che hanno compiuto 14 anni) quella di festeggiare con altre persone. A meno di non anticipare di qualche giorno, finchè si è in zona gialla o attrezzarsi di tablet e smarthphone per stare vicini almeno virtualmente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Coronavirus

Como e provincia in zona arancione rinforzata

Coronavirus

Zona arancione fino a domenica 7 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento