rotate-mobile
Attualità Viale Geno / Viale Geno

Il molo di Sant'Agostino andrà alla Finanza: per i privati in arrivo il pontile di Villa Geno

La decisione della giunta Rapinese vuole porre fine al caos e alle tensioni tra i privati delle barche a noleggio

L'amministrazione comunale ha adottato nuove misure per regolamentare l'utilizzo dei pontili. Inizialmente, era stato tentato un divieto di ormeggio ai privati al molo del porto di Sant'AGostino, ma questa decisione era stata bocciata dal Tar. Un'ulteriore proposta di spostamento del servizio alla Marina 2 avrebbe richiesto una modifica del Regolamento delle strutture portuali da concordare con la Regione Lombardia, un processo tutt’altro che rapido. Nel frattempo, la guardia di finanza aveva espresso interesse a prendere in concessione il pontile di Sant'Agostino, con l'intenzione di installare un cancello e un sistema di videosorveglianza per migliorarne la sicurezza.

La svolta è arrivata con la scadenza della concessione per l'utilizzo del pontile di Villa Geno alla società Sunlake, prevista per il 7 luglio prossimo. Csu, che gestisce gli attracchi e le concessioni per conto del Comune, ha effettuato un sopralluogo e ha rilevato che "il pontile appare immediatamente utilizzabile per scaricare il traffico nautico che attualmente impegna il pontile di Sant’Agostino, salva tuttavia la necessità di alcune manutenzioni, previa verifica dei sistemi di ancoraggio." Inoltre, è stato suggerito che "l’accesso al pontile potrà essere disciplinato in modalità automatizzata, in modo da consentire un ordinato accesso allo stesso."

La giunta ha quindi deliberato due decisioni fondamentali per la regolamentazione dei pontili. Prima decisione: "procedere ad acquisire, senza esborso di onere alcuno, le strutture (pontile mobile, passerella, plinto di fondazione) oggetto delle due concessioni alla Società Sunlake, meglio dette in premessa, entrambe in scadenza del 8/7/2024."

Seconda decisione: disporre che "il settore competente proceda ad affidare in concessione, tramite procedura ad evidenza pubblica, alle Forze di Polizia nazionali a diretto controllo governativo, fino al 25 marzo 2032, l’intero pontile del porto di S. Agostino ed il relativo spazio d’acqua prospiciente, con onere per il concessionario di eseguire, a proprie cura e spese, tutti i lavori inerenti e conseguenti di adeguamento finalizzati all’uso dello stesso per le proprie attività istituzionali."

Inoltre, la giunta ha deciso il pontile di Villa Geno "alla finalità di garantire alla medesima attuale utenza che oggi utilizza il pontile del porto di S. Agostino e con le stesse finalità (e cioè attracco temporaneo per operazioni di imbarco/sbarco per diporto, diporto commerciale, uso privato, traffico e pesca), di poter attraccare presso il nuovo pontile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il molo di Sant'Agostino andrà alla Finanza: per i privati in arrivo il pontile di Villa Geno

QuiComo è in caricamento