Mick Jagger e Donald Sutherland raccontano il loro film sul lago di Como

La pellicola è stata presentata fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia

Mick Jagger a Venezia

Regia italiana, attori di livello mondiale e il Lago di Como a fare da sfondo. Questa la ricetta di The Burnt Orange Heresy, il film che ha chiuso (fuori concorso) Venezia 76. La pellicola, tratta dal romanzo di Charles Willeford, adattato per il grande schermo da Scott B. Smith, è un thriller ambientato nel mondo dell'arte italiana in questa caso incorniciata dalla magia del Lario. 

In Laguna Mick Jagger, frontman dei Rolling Stones, è stato accolto anche in questa veste con l'affetto e l'entusiasmo che merita una star del suo calibro. Sulla pellicola diretta da Capotondi, nella quale interpreta un collezionista, ha detto: "Io abitualmente butto tutto e quello che non butto, lo perdo. Sono un collezionista fallito. Però mi piace aver interpretato questo personaggio minore ma importante nella storia. Ho recitato altre volte e non mi dispiace. Ma stare sul palco in concerto è un'altra cosa". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

James Figueras è un noto critico d'arte che tiene lezioni su tutto ciò che sta dietro un dipinto e sul potere che ha la critica di convincere il pubblico della validità di un'opera: un potere che talvolta fa leva sulla menzogna. Durante una di queste lezioni l'uomo incontra Berenice Hollis, una ragazza americana affascinata dal bel critico e dalla sua competenza. James e Berenice finiscono a letto e lui la invita a trascorrere il fine settimana successivo nella villa di un facoltoso collezionista, Joseph Cassidy, che l'ha convocato per proporgli uno scoop: Cassidy intende infatti dare al critico la possibilità di intervistare Jerome Debney, un leggendario artista che non parla con i media da 50 anni, ovvero da quando un incendio ha distrutto tutte le sue opere, trasformando quella scomparsa nell'essenza stessa del suo gesto artistico. In cambio Cassidy vuole che Figueras rubi per lui uno dei quadri che Debney custodisce nel suo studio, in totale segretezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

  • Omicidio in piazza San Rocco a Como: ucciso don Roberto Malgesini

  • Lago di Como, Chiara Ferragni a Blevio con Fedez e la pizza clandestina

  • Chi era don Roberto Malgesini: un vero prete "di strada", in aiuto dei più deboli

  • Sagre e street food: un goloso fine settimana a pochi chilometri da Como

  • Lo ha ucciso con un coltello: chi è l'assassino di Don Roberto Malgesini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento