rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Turismo di lusso / Torno

Mega resort a Torno, gli ambientalisti: "Ecco tutte le criticità del progetto sul lago di Como"

Richiesta la valutazione ambientale strategica

Nuova argomentata posizione sulla questione del nuovo max resort a Torno. Le associazioni Legambiente di Como, Circolo Ambiente Ilaria Alpi, WWF Lombardia, Iubilantes, Fiab Como Biciamo, Gruppo Naturalistico della Brianza hanno infatti predisposto un documento (OsseQui la versione integrale) con osservazioni relative al progetto di costruzione di un enorme complesso turistico residenziale nel Comune di Torno, chiedendo con forza che venga sottoposto almeno a VAS - Valutazione Ambientale Strategica.

Ai primi di maggio scadono, infatti, i termini della procedura di verifica di assoggettabilità a VAS e il comune di Torno dovrà esprimersi in merito alla necessità di una accurata verifica di compatibilità ambientale del progetto -  la vas appunto - oppure scegliere di proseguire con un iter semplificato, considerando valide le dichiarazioni e la documentazione presentate dal soggetto proponente.

Dopo aver visionato i documenti del piano di intervento, preso atto della richiesta di sottoporre il progetto a VAS  già espressa chiaramente da Provincia e Sovrintendenza, le associazioni scriventi hanno trasmesso ai soggetti individuati per questa importante decisione ed al Sindaco del Comune di Torno delle articolate osservazioni.

Sono state evidenziate molteplici criticità sotto il profilo paesaggistico, idrogeologico, agronomico e i tanti problemi rimasti irrisolti, come quelli legati al traffico indotto o agli scarichi fognari, per cui non si può prescindere da una attenta e puntuale valutazione ambientale. Questo complesso iter procedurale sarebbe stato sicuramente  superato se fossimo in presenza  di strumenti urbanistici chiari, atti a preservare un luogo così suggestivo che il mondo ci invidia, impedendo nuovo consumo di suolo e stravolgimento della fascia costiera.

Confidiamo nel fatto che l'attenzione dedicata dalla stampa locale a questo progetto e gli autorevoli commenti critici che ha generato possano suscitare un dibattito pubblico ampio, che non deve rimanere appannaggio degli addetti ai lavori e di un gruppetto di ambientalisti, ma finalmente coinvolgere la cittadinanza. Preservare il patrimonio ambientale e paesaggistico del nostro bellissimo lago  deve essere un impegno condiviso da tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mega resort a Torno, gli ambientalisti: "Ecco tutte le criticità del progetto sul lago di Como"

QuiComo è in caricamento