rotate-mobile
Attualità

Lungolago di Como: "Barriere ed errori progettuali rendono difficile l'utilizzo da parte dei cittadini"

Il nuovo attacco del Pd al cantiere delle paratie

Nemmeno il tempo di gioire per la parziale riapertura del nuovo lungolago, che il cantiere delle paratie torna al centro del dibattito politico. A intervenire sulla questione è il consigliere comunale del Pd Stefano Legnani. Il tema, di questa storia infinita per la città. è quello dell'accessibilità. 

"E’ già stata denunciata l’impossibilità per coloro che sono costretti a muoversi in carrozzina di utilizzare pienamente il nuovo lungolago, a causa dell’eliminazione da parte di Regione Lombardia del ponticello, previsto invece nel progetto dell’amministrazione Lucini (rendering sotto) che avrebbe consentito di percorrere in continuità il lungolago da Piazza Cavour a Piazza Matteotti attraversando, senza incontrare barriere architettoniche, il canale che dà accesso alla darsena. Ma nel progetto regionale, oltre alla soppressione del ponticello, è stata introdotta anche un’altra modifica, che renderà ulteriormente difficoltoso l’attraversamento del canale. Nel progetto Lucini, oltre alla pista ciclabile, come tale riservata alle sole biciclette, prevista tra i due filari di tigli, vi era anche un percorso parallelo alla pista ciclabile sul lato verso il lago, riservato ai pedoni, che avrebbe consentito di scavalcare il canale senza incontrare barriere architettoniche. Come risulta dal confronto tra i due progetti e dalle opere che si stanno realizzando proprio in questi giorni, anche questo percorso pedonale è stato eliminato. La scalinata, che consente di superare il dislivello tra la pavimentazione del lungolago e quella del ponte della darsena, è stata infatti arretrata verso la città fino quasi a lambire il filare dei tigli, con la conseguenza che lo spazio rimasto, sul quale peraltro sono stati posizionati anche i pali dell’illuminazione pubblica, non è più sufficiente per il transito di pedoni e carrozzine.

Lungolago_Lucini

Non solo i disabili, ma anche passeggini e carrozzine per bambini, e tutti coloro che hanno difficoltà a fare le scale, per superare il canale della darsena, dovranno quindi necessariamente transitare tra i due filari di tigli percorrendo la pista, ora non più ciclabile, divenuta ciclopedonale. Tutto ciò, oltre a comportare la necessità per gli utenti di abbandonare la riva per spostarsi verso l’interno allungando così il percorso, comporterà anche un inevitabile conflitto tra utenti: biciclette, carrozzine e pedoni dovranno transitare in uno spazio largo solo due metri, appena sufficiente per il passaggio contemporaneo di due biciclette. Ed è noto che ormai da tempo le piste ciclopedonali, proprio per evitare tale conflitto (chi ha la precedenza?), vengono realizzate solo dove non vi è lo spazio sufficiente per percorsi distinti tra pedoni e biciclette. Considerata l’ampiezza del nuovo lungolago, che avrebbe consentito il mantenimento del percorso pedonale originariamente previsto privo di barriere senza compromettere la fruizione del lungolago, è del tutto inspiegabile la scelta di eliminarlo e di trasformare la pista ciclabile in pista ciclopedonale. A fronte di questo grave errore progettuale che compromette la fruibilità del nuovo lungolago, soprattutto per gli utenti più deboli, non resta che augurarsi che il ponticello della darsena, come promesso dal sindaco Rapinese, venga al più presto realizzato e la pista tra i tigli torni ad essere riservata alle sole biciclette" dichiara il consigliere comunale del Partito Democratico, Stefano Legnani.

Lungolago_Regione

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lungolago di Como: "Barriere ed errori progettuali rendono difficile l'utilizzo da parte dei cittadini"

QuiComo è in caricamento