Attualità

Como dice no al lungolago intitolato ad Alida Valli. Il nipote: "Indignatissimi"

L'attrice ha vissuto la sua infanzia sul Lario, ma il consiglio comunale ha bocciato la proposta di dedicarle una passeggiata

Il suo nome all'anagrafe era Alida Maria Altenburger von Marckenstein und Frauenberg, ma tutti la conoscevano con il nome d'arte di Alida Valli che scelse quando intraprese la carriera di attrrice. Una carriera che ha lasciato un segno nella storia culturale e artistica d'Italia. 

Nata a Pola, in Croazia, nel 1921 si trasferì da bambina in Italia e proprio a Como trascorse la sua infanzia. Ma il capoluogo lariano e il lago non erano per le i solo una semplice tappa nella sua vita, bensì rappresentavano un luogo con il quale aveva un fortissimo legame, anche artistico visto che su queste rive girò alcune delle sue più belle pellicole. 
Alla luce di tutto questo sembrerebbe quasi scontato dedicarle una strada o una piazza. Il consiglio comunale di Como, però, ha ritenuto di bocciare la proposta di intitolare alla famosa attrice una passeggiata del lungolago. Con 16 voti contrari l'aula di Palazzo Cernezzi ha detto no al "Lungolago Alida Valli". Un no che ha lasciato sgomenti i famigliari. Il nipote, Pierpaolo De Mejo ha rilasciato un commento all'Ansa con il quale ha affermato che i parenti dell'attrice sono semplicemente "indignatissimi" per la scelta del consiglio comunale di Como. "Speriamo che si faccia dietro front rispetto a questa decisione", ha commentato De Mejo che, allo stesso tempo, ha invitato i consiglieri che si sono detti contrari a studiare chi sia stata Alida Valli e che cosa abbia rappresentato per la cultura italiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Como dice no al lungolago intitolato ad Alida Valli. Il nipote: "Indignatissimi"

QuiComo è in caricamento