rotate-mobile
Attualità

Paratie di Como, Perazzolo: "Il muro non è finto e la scelta era inevitabile". Ecco perché

Il responsabile del cantiere prova a spegnere le polemiche sulla fisionomia del nuovo lungolago

Mentre sul lungolago di Como sono spuntate anche le lastre di granito che faranno da cornice di chiusura al muro di contenimento della passeggiata, quelle insomma su cui si poggerà poi la ringhiera che farà da parapetto, il responsabile del cantiere delle paratie prova a fare un po' di chiarezza dopo le polemiche di ieri in merito alla questione estetica del nuovo profilo del lago.  

paratie como giugno 2022 - 2-2-2

"Non voglio entrare nel merito di opinioni di cui ieri ho solo letto qualcosa sulla stampa - afferma l'ingegner Perazzolo - tuttavia occorre fare almeno un paio di precisazioni. Innanzitutto il muro di contenimento a lago non è finto ma fatto sì di una parte consistente di cemento che è però rivestita da uno strato di quattro centimetri di ardesia, ovvero pietra naturale. Ma la scelta di questo materiale è stata obbligatoria, visto che lo stesso è già stato utilizzato per gran parte della vasca B (per intenderci quel tratto che corre lungo l'ex passeggiata Amici di Com, ndr). Una scelta quindi continuità con quanto di "buono" era già stato fatto in passato durante questi tre lustri di calvario.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paratie di Como, Perazzolo: "Il muro non è finto e la scelta era inevitabile". Ecco perché

QuiComo è in caricamento