Venerdì, 19 Luglio 2024
Attualità

Lago di Como, dall'altra parte del bancone, parlano i baristi: "Le richieste assurde dei clienti"

Dopo il caso del toast tagliato in due per 2 euro scoppia la polemica

La vicenda del toast tagliato in due che ha visto protagonista un bar dell'Alto Lago a Gera Lario sta facendo il giro d'Italia. Va detto, per onestà, che il titolare del bar non si è nascosto dietro a un dito e ha spiegato chiaramente che a suo avviso se un cliente chiede di fare due porzioni di un toast si devono usare due piattini, due tovaglioli e "andare al tavolo impegnando due mani." Le richieste supplementari hanno un costo. Piaccia o meno questa la sua versione dei fatti. Dopo la segnalazione su QuiComo e su moltissime testate locali e nazionali il pubblico del web si è schierato in due: chi dalla parte del gestore, chi da quella del consumatore. Perché è vero che pagare due euro per tagliare un toast in due può sembrare una "follia" ma è anche vero che a volte le richieste dei clienti sono davvero assurde. Ce ne hanno raccontate tante nei commenti e scrivendoci le molte persone che sul lago di Como lavorano nella ristorazione.

Le strane richieste al bar

Ci sono persone che si siedono in 6 a tavolino e poi solo in due prendono una bottiglietta d'acqua o un caffè rimanendo seduti per ore, in alta stagione. C'è anche chi ordina da bere e quatto quatto dallo zaino tira fuori un panino fatto in casa e se lo mangia tipo Fantozzi quando faceva la dieta dal dottor Birkermaier. Se il toast diviso in due desta scalpore, allora la pizza margherita divisa in 3 dovrebbe scivolare via liscia, quantomeno perché almeno nei ristoranti il coperto si paga sempre. 

Ci raccontano poi di chi prende una bibita da 3 euro e chiede di ricaricare il telefonino per ore che, come spiega un nostro lettore che fa il cameriere a Como, è vero che è un favore che si può fare tranquillamente se non fosse che in una giornata le persone che lo chiedono sono almeno 20 o 30 e in alcuni giorni c'è anche la coda per chi vuole ricaricare il cellulare. C'è poi chi si fa tagliare a metà il croissant della colazione. E se dietro al costo del taglio a metà del toast ci fosse anche un po' di esasperazione per le richieste assurde di chi va al bar (oltre che il già citato costo del tovagliolo e del piattino)? 

Abbiamo anche testimonianze, sempre dal Comasco, di feste di compleanno al bar dove la torta la si portava da casa (pretendendo piattini e forchette a costo zero) e gente che chiedeva di dividere i così detti menu' a prezzo fisso del mezzogiorno, portando rigorosamente l'acqua da casa. Non apriamo poi il capitolo delle prenotazioni perché è un altro vaso di pandora: disdette all'ultimo (anche di tavolate di 20 persone) a seconda delle condizioni meteo (pur essendo il locale al coperto), per non parlare di chi vuole spacciare per bambini con l'appetito di un uccellino adolescenti di un metro e ottanta affamati come lupi. Insomma, a prescindere dall'ormai nazionale caso del toast tagliato in due, bisogna anche mettersi qualche volta dall'altra parte del bancone. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Como, dall'altra parte del bancone, parlano i baristi: "Le richieste assurde dei clienti"
QuiComo è in caricamento