rotate-mobile
Attualità Laglio

Lago di Como, la sfilata con i capi dei bambini designer (con la collaborazione di Stella McCartney)

La stilista inglese ha donato alcuni capi che i bambini hanno reinterpretato

Bambini designer creano una collezione “No waste” che sfila sul lago di Como. Ecologia, sostenibilità, ambientalismo, riciclo. Sono parole importanti, ma troppo spesso abusate al giorno d’oggi. Questo, però, non toglie loro valore, anzi, dovrebbe spronare tutti a impegnarsi per il rispetto e la salvaguardia del pianeta. Abbiamo poco tempo. È quindi fondamentale agire subito e nel modo giusto per lasciare ai posteri un mondo migliore.

Proprio a questo hanno pensato le artiste Nicoletta Lanati e Valentina Sala coinvolgendo i bambini delle scuole primarie, i più ricettivi, i più sensibili, gli adulti di domani, che hanno il diritto di avere un futuro migliore e il dovere di costruirlo.

È nato così il progetto pilota Nicky Lab”, che ha preso vita sul Lago di Como presso la Scuola Elementare di Laglio (località famosa perché è il luogo di villeggiatura di George Clooney, a villa Oleandra) dove, dall’inizio dell’anno, è stato allestito un polo di attività creative che culminerà con una sfilata di moda il 26 maggio alle ore 18.

La collezione, che è stata creata tutta a scuola, è composta da magliette dipinte dai piccoli che, durante tutto l’anno, hanno “giocato” imparando l’arte del riciclo. Ognuno ha portato da casa una sua vecchia maglietta bucata o scolorita e, con colori e pennelli, ha ridato una nuova vita ai suoi capi. E non solo. Per gli oggetti “rotti” è stata utilizzata l’affascinante tecnica giapponese del Kintsugi, che prevede la riparazione con fili d’oro. In questa occasione, invece del filo è stata usata la colla, poi dipinta di oro.

Le opere dei giovani studenti,oltre a sfilare quel giorno a scuola, nel luminosissimo e suggestivo corridoio vista lago, saranno esposte nella temporary boutique allestita ad hoc, che insieme alle magliette e agli oggetti riparati, metterà in vendita arazzi e tappeti, realizzati dagli studenti con tutti i materiali di riciclo: dalla carta usata, allo scotch, alla stoffa. L’obiettivo: niente spreco. Il ricavato sarà utilizzato per finanziare le attività della scuola.

Ha collaborato a questo progetto anche Stella McCartney, che da sempre pone la sostenibilità al centro del proprio marchio. Il brand britannico ha donato alcuni capi d’archivio delle collezioni di Stella McCartney Kids che i ragazzi hanno reinterpretato e che anch’essi saranno presentati durante la sfilata del 26 maggio.

“Siamo davvero felici ed entusiaste del risultato di questo progetto pilota nato dall’esigenza del NON SPRECO, che i tempi ci impongono” – dicono Nicoletta Lanati ideatrice con Valentina Sala – “Speriamo che molte altre scuole in Italia lo adottino, perché è necessario educare i bambini al rispetto e alla sostenibilità, ne va del loro futuro.”

Il progetto pilota ideato da Nicoletta Lanati e Valentina Sala è in collaborazione con Stardust Trend Books, Food in Fashion Trend Books e Show Hub Milano, ed è condiviso con l’stituto Comprensivo di Cernobbio, il Comune di Laglio e Unica Luxury Bespoke Tables di Bologna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Como, la sfilata con i capi dei bambini designer (con la collaborazione di Stella McCartney)

QuiComo è in caricamento