Chi era Ibrahim Alì, l'eroe a cui Monguzzo ha dedicato una via

Carabinieri e politici alla cerimonia del 17 marzo

17 marzo 2019: a Monguzzo cerimonia per dedicare una via a Ibrahim Alì

Si è svolta nel corso della mattinata del 17 marzo 2019 la cerimonia di commemorazione della battaglia di Cheren (Eritrea), avvenuta  il 17 marzo 1941, durante il Secondo Conflitto Mondiale, che vide l’atto eroico che valse la Medaglia d’Argento al Valor Militare allo Sciumbasci Capo (Maresciallo Aiutante) del Gruppo Carabinieri di Eritrea, Ibrahim Alì, a cui è stata dedicata la via di Monguzzo in occasione, appunto, delle celebrazioni del 17 marzo.

La battaglia: 27 marzo 1941

La battaglia di Cheren fu uno scontro tra le truppe italiane e le forze britanniche e del Commonwealth, avvenuto durante la seconda guerra mondiale nella zona di Cheren, in Eritrea, tra il 2 febbraio e il 27 marzo 1941. Nonostante un'organizzata e tenace resistenza, le forze italiane vennero sconfitte sancendo così l'inizio dello sgretolamento del giovane impero coloniale italiano, nato con l'annessione dell'Etiopia durante la guerra d'Etiopia nel 1935 alle altre colonie e la creazione dell'Africa Orientale Italiana. Nell’ambito di tale conflitto, si distinse il citato militare decorato di Medaglia d’Argento al Valor Militare, ossia lo Sciumbasci Capo (Maresciallo Aiutante) del Gruppo Carabinieri di Eritrea Ibrahim Alì, il quale venne insignito del solenne riconoscimento con la seguente motivazione (letta nel corso delle celebrazioni odierne): “Valorosissimo, fedelissimo e sempre alla testa dei suoi Zaptiè. Ferito gravemente in combattimento, continuava ad incitare i suoi uomini alla resistenza. Già distintosi in altre guerre e in altri combattimenti”.

La cerimonia

La località prescelta per le celebrazioni, nell’ambito del progetto “Memorare Iuvat”, è stata, come detto, Monguzzo, nel quale è stata dedicata al maresciallo Alì l’intitolazione di una strada in corso di realizzazione. Alla cerimonia hanno partecipato le autorità militari e civili, quali il comandante provinciale dei carabinieri Andrea Torzani, l’onorevole Nicola Molteni (Sottosegretario al Ministero dell’Interno), l’onorevole Erica Rivolta, il sottosegretario alla Regione Lombardia Fabrizio Turba, il vice-prefetto di Como Michele Giacomino, i sindaci di Monguzzo e dei comuni limitrofi, i comandanti della compagnia di Cantù, Francesco Coratti, e della stazione dei carabinieri di Lurago d’Erba, maresciallo-maggiore Gianfranco Mastroianni, di rappresentanze delle varie sezioni dell’Associazione Nazionale Carabinieri, rappresentanze di associazioni combattentistiche e d’Arma, della Croce Rossa, nonché rappresentanze delle scolaresche del territorio. Momento di assoluta commozione, che ha raggiunto l’apice con il momento di svelamento dell’insegna.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Como arriva Decathlon: ecco come sarà

  • Dalla Nasa all’apicoltura: il sogno di due ricercatori comaschi salverà il pianeta

  • LIDL arriva a Como e cerca 22 persone da assumere, ecco come candidarsi

  • Pessime condizioni igieniche, la polizia chiude un locale di piazza San Rocco a Como: è la seconda volta

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e dintorni

  • Torna il vento forte, è di nuovo allerta a Como e provincia

Torna su
QuiComo è in caricamento