E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

Era diventato famoso dopo alcune puntate delle Iene

E' morto Giovanni, il senzatetto diventato famoso dopo essere apparso in alcune puntate della trasmissione Le Iene. La notizia, giunta in redazione oggi, 16 settembre 2019, è di quelle che non può lasciarci indifferente. Una di quelle notizie che non riusciamo a trattare con distacco da cronisti, perché QuiComo collaborò a quei servizi in cui la Iena Matteo Viviani aveva cercato di aiutare Giovanni a trovare un tetto.

Giovanni, orgogliosissimo, non chiedeva mai aiuto, e anche il suo modo di chiedere l'elemosina era dignitosissimo: stava seduto, il più delle volte, sotto il portico della Coin in via Boldoni e aspettava che i passanti gli elargissero qualche spicciolo, ma non era mai lui a chiederlo o, come fanno altri, a pretenderlo.

Aiutare Giovanni era difficile perché lui stesso diceva di essere abituato alla vita da senzatetto. Quando Le Iene gli chiesero quale fosse il suo sogno, lui rispose "un tetto". Grazie ai City Angels un tetto gli fu dato, nei pressi di via Zezio, ma ben presto si capì che Giovanni, da troppi anni abituato alla vita da strada, in quel piccolo ma confortevole appartamento non ci andava mai e così l'associazione destinò l'immobile ad altro uso. Tuttavia le Iene ci riprovarono bussando alle porte dei bed and breakfast ma anche in quel caso fu impossibile aiutarlo.

Giovanni è poi tornato, per così dire, nell'anonimato, con l'unica differenza che adesso tutti lo conoscevano, anche se in molti facevano finta di essersi dimenticati di lui. Sotto il portico della Coin, sotto il Broletto, alla stazione dei treni: Giovanni se n'è andato così, come lo abbiamo conosciuto, persona di strada, povero, dolorante (dentro e fuori) ma libero e orgoglioso.

I funerali si svolgeranno alle 15.45 alla chiesa di Montano Lucino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il dramma di Gaetano Banfi, il ragazzo di Rebbio morto in strada

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

  • Attende il bus alle tre di notte: la polizia soccorre un anziano in stato confusionale

Torna su
QuiComo è in caricamento