rotate-mobile
Attualità Tavernola / Via Trau

Allarme per la Takahashia japonica nel Comasco: una segnalazione anche dai giardini di via Traù

Continua la prolificazione dell'insetto giapponese che nuoce alle piante

Continua la prolificazione e la diffusione della Takahashia japonica. La presenza di questo insetto è stata segnalata già in diverse zone di Como e provincia. L'ultima segnalazione proviene dal quartiere di Tavernola dove il parassita è ben visibile sugli alberi di acero dei giardini di via Traù. Già tempo fa era stato effettuato un trattamento chimico che però non è servito a debellare il parassita se non momentaneamente. Infatti, si è ripresentato.

Takahashia Japonica in via Traù 3

Cos'è la Takahashia japonica

Takahashia japonica è una specie di origine asiatica appartenente alla famiglia delle Coccidae. È facilmente riconoscibile grazie agli anelli bianchi che produce sui rami degli alberi. Questo parassita è stato avvistato per la prima volta in Giappone alla fine dell'Ottocento, dove infettava principalmente gli alberi di Gelso. In Europa, la sua presenza è stata documentata per la prima volta nel 2017 in un parco comunale a Cerro Maggiore, nell'hinterland nord-ovest di Milano, da dove ha iniziato la sua diffusione.

Takahashia Japonica in via Traù 2

L'insetto si nutre principalmente di linfa ed è polifago, il che significa che non è limitato a una singola specie di pianta. In Lombardia, è stato riscontrato soprattutto su alberi decidui ornamentali come aceri (in particolare Acer pseudoplatanus), albizzia (Albizia julibrissin), albero di Giuda (Cercis siliquastrum), carpino bianco (Carpinus betulus), gelso nero (Morus nigra) e bianco (Morus alba), bagolaro (Celtis australis) e liquidambar (Liquidambar styraciflua).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme per la Takahashia japonica nel Comasco: una segnalazione anche dai giardini di via Traù

QuiComo è in caricamento