Gettare ovunque guanti e mascherine, l'ultima sfida alla civiltà

Siamo tornati, e siamo peggio di prima

Mascherine

Dovremmo raccoglierli e accettare la sfida, perché questa non è un partita che si può lasciare vincere agli incivili. Magari sono gli stessi che hanno puntato il dito dalle loro finestre contro i runner, che hanno condannato le fughette e che si sono indignati per la gente schiacciata ai navigli più dai teleobiettivi che dalla realtà. O magari sono gli stessi che hanno festeggiato il sopravvento della natura sull'uomo, il ritorno degli animali nelle città o il nostro lago immobile come uno specchio. 

guanti covid 3-2

Non importa, rimane il fatto che qualcuno, appena è tornato ad uscire, ha aggiunto alle precedenti cattive abitudini, ne avevamo già scritto nei giorni scorsi, un nuovo gesto che mai come oggi appare inaccettabile. Credo sia durata due giorni l'illusione che da questa brutta avventura ne saremmo usciti migliori, giusto il tempo di cantare qualche canzone ai balconi sventolando con orgoglio un po' maldestro il tricolore. Poi, riposte ugole e bandiere, anche l'idea che un mondo migliore avremmo potuto costruirlo ripartendo innanzitutto dal rispetto per il pianeta, da una coscienza ecologica, è andata in fumo. 

mascherina covid-2

Ma gettare a terra guanti e mascherine - ce ne sono ovunque in giro per la città, non solo fuori dai supermercati ma anche in strada e nei giardini - va persino oltre la questione dell'inquinamento, che già da sé, visti i materiali, sarebbe gravissima. Stiamo affrontando un'emergenza sanitaria che ha causato migliaia di morti e compromesso tutte le nostre attività, anche quelle più scontate. Eppure non ci si rende conto di quali danni si possano causare attraverso comportamenti incivili come questo. Ci si indigna - con ragione visto che al momento sono obbligatorie - con chi le mascherine non le indossa, ma poi c'è chi le indossa e poi le getta ovunque tranne che nei cestini della spazzatura. Questi "nuovi rifiuti" per terra raccontano un triste ritorno alla normalità. Niente di nuovo, siamo come prima. Solo un po' peggiori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como e la Lombardia da domenica volano in zona arancione, riaprono tutti negozi

Torna su
QuiComo è in caricamento