Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità Pigra

La funivia di Pigra non è ancora aperta, Pd: "Cittadini e gli operatori locali nell'incertezza"

"Questa situazion rischia anche di avere un impatto grave sull'intera stagione estiva, periodo cruciale per l'economia locale"

La funivia avrebbe dovuto ripartire già a metà giugno secondo gli annunci ufficiali, dopo la chiusura dei lavori di riqualificazione.

“La situazione attuale della funivia Argegno-Pigra è grave e inaccettabile” ha dichiarato Angelo Orsenigo, Consigliere Regionale del Partito Democratico, annunciando oggi di aver presentato un'interrogazione urgente all'Assessore regionale Franco Lucente in merito alla situazione critica della funivia Argegno-Pigra.

"Nonostante ripetuti annunci di imminente riapertura, ci sono ulteriori verifiche tecniche in corso che starebbero bloccando la piena riattivazione dell’infrastruttura. Questa situazione non solo crea enormi disagi per i residenti e gli operatori locali, ma rischia anche di avere un impatto grave sull'intera stagione estiva, periodo cruciale per l'economia locale".

"La data di riapertura è stata costantemente rimandata, lasciando i cittadini e gli operatori locali nell'incertezza. L'interrogazione mira a ottenere risposte dettagliate sullo stato dei lavori e delle verifiche e sulle tempistiche previste per il ripristino del servizio, nonché a sollecitare un ruolo attivo di Palazzo Lombardia per evitare ulteriori ritardi e disagi per la comunità oggi e in futuro", ha spiegato il consigliere lariano.

"La funivia", conclude Orsenigo, "è un’infrastruttura vitale per quest’area del lago. Chiedo all'Assessore Franco Lucente di fornire chiarezza sulla situazione attuale della funivia, per la quale Regione Lombardia ha investito circa 800.000 euro dal 2020 a oggi. È fondamentale assicurare un servizio efficiente e sicuro per i cittadini e per il turismo locale", ha sottolineato il Consigliere Regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La funivia di Pigra non è ancora aperta, Pd: "Cittadini e gli operatori locali nell'incertezza"
QuiComo è in caricamento