rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Attualità Menaggio

Lo spettacolo delle Frecce Tricolori sul Lago di Como: le staordinarie immagini

Ecco le foto della pattuglia acrobatica più famosa del mondo "in gita" sul Lario

Considerando il successo che avevano avuto ieri le prove, non c’era da dubitare che lo spettacolo di oggi delle Frecce Tricolori sarebbe stato un bagno folla. Del resto non capita tutti i giorni di avere in casa l’orgoglio nazionale, la pattuglia acrobatica più famosa al mondo, secondo molte e ben accreditate fonti.

Uno spettacolo emozionante che, nonostante si creda di conoscere per sentito dire, lascia a bocca aperta quando si ha occasione di ammirarlo dal vivo.

Le Frecce Tricolori sul lago di Como

E questo è ciò che è appena successo alle migliaia di persone, turisti ma soprattutto comaschi e lecchesi, che si erano accalcate nei tanti punti di osservazione lungo il Lario. Circa 30 minuti di spettacolo per la pattuglia acrobatica più numerosa al mondo, grazie ai suoi 10 Aermacchi MB-339, fondata in seno all’Aereonautica Militare Italiana nel 1961. Qualche rallentamento alla viabilità per le modifiche ad hoc del percorso e per l’enorme afflusso di auto vicino agli osservatori clou. I problemi si sono verificati soprattutto a livello ferroviario: lungo la direttrice tra Milano e Tirano si sono accumulati, nel corso della tarda mattinata, ritardi mostruosi fino a sfiorare l'ora.

Centinaia di persone si sono ritrovate "imbottigliate" in stazione a Lecco, dove i treni speciali istituiti da Trenord non sono riusciti a contenere tutti gli utenti. Sono stati aggiunti ulteriori vagoni, ma in tanti hanno desistito - non senza toni polemici sui social network - dal raggiungere Varenna in tempi utili per assistere all'Air Show. Altri, invece, sono rimasti appiedati nelle stazioni dei paesi della Riviera, tra Abbadia, Mandello e Lierna. Gremitissimo anche il piccolo scalo di Varenna.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo spettacolo delle Frecce Tricolori sul Lago di Como: le staordinarie immagini

QuiComo è in caricamento