Il caso Menaggio / Menaggio

La farsa dell'ospedale di Menaggio: Fontana e Bertosolaso si contraddicono

L'Erba-Rinamdi è fondamentale per il lago di Como

Bertolaso depotenzia, il governatore Fontana smentisce e se la prende con i giornalisti che avrebbero, a suo dire, montato la polemica. Tuttavia, i colleghi di ETG, che per primi hanno raccolto le parole dell'assessore regionale al Welfare, non si sono inventati nulla e le parole di Bertolaso, chiare e nette sono lì ascoltare. Se poi c'è stato un passo indietro bene ma tutto è ancora da capire. E così, mentre l'ospedale di Erba completa il suo passaggio ai privati, il destino di Menaggio, in questo clima in cui la sanità pubblica è sempre più depotenziata, le promesse durante il covid sono già tutte dimenticate, sembra un rebus. E chissà se forse qualcuno si è reso conto cosa significherebbe davvero per il territorio del lago di Como togliere la gestione delle urgenze a Menaggio.

Sulla questione è intervenuto nuovamente ieri il PD: “Oggi - ha affermato il consigliere regionale Angelo Orsenigo - sentiamo dire dal Presidente Fontana che non si è mai parlato di depotenziare l’ospedale di Menaggio. Certamente: come si può depotenziare ulteriormente qualcosa che è già stato sistematicamente svuotato e depotenziato nel corso degli anni? Al Presidente pongo un invito molto semplice: venga sul lago di Como a vedere le condizioni in cui versa l’Erba-Renaldi. Così potrà vedere i quattro reparti chiusi e i 35 posti letto su 77 andati persi. Potrà rendersi conto che da Cavargna servono 54 minuti fino all’ospedale di Gravedona e 91 fino a quello di San Fermo; che da Porlezza servono 68 minuti per arrivare al Sant’Anna di San Fermo; che da San Fedele Intelvi servono 47 minuti per San Fermo e 60 per l’ospedale di Cantù. Potrà rendersi conto che le preoccupazioni delle nostre comunità non sono certo una ‘tempesta in un bicchiere d’acqua’, come lui stesso ha definito il dibattito degli scorsi giorni, ma sono timori leciti che nessun amministratore pubblico dovrebbe sminuire,” dichiara il consigliere regionale del Partito Democratico, Angelo Orsenigo, commentando le affermazioni del governatore lombardo alla stampa questa mattina.

“Se Fontana e Bertolaso sperano di essersi messi la questione dell’Erba-Renaldi alle spalle -ha aggiunto Angelo Orsenigo - si sbagliano. Questa mattina abbiamo presentato una mozione urgente del Partito Democratico per chiedere certezze solide per il Pronto Soccorso e per la piena riattivazione del presidio ospedaliero lariano. Come chiesto più volte dal Partito Democratico, dal Comitato per la Difesa dell'Ospedale di Menaggio e della Sanità Pubblica, e dai 14mila cittadini che hanno firmato la petizione, non ci possono essere compromessi. L’Erba-Renaldi deve tornare alle sue funzioni. Sapere da Fontana che tutto rimane uguale, non ci fa stare tranquilli. La mozione di oggi deve essere il primo passo per un vero rilancio. Tutto il resto, specie i dissidi interni alla giunta, non serve al territorio. Saremo al fianco dei cittadini in occasione dell’incontro pubblico del 28 giugno prossimo a Menaggio:" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La farsa dell'ospedale di Menaggio: Fontana e Bertosolaso si contraddicono
QuiComo è in caricamento