In ricordo di Simone Bertelè: due defibrillatori donati al Soccorso Alpino

I genitori del giovane hanno preso parte a un'esercitazione del Cnsas ai Corni di Canzo

Simone Bertelè è un giovane di Como che ha perso la vita il 29 aprile 2019 in un incidente in moto ad Alzate Brianza. Simone aveva 26 anni, amava la montagna e la frequentava spesso. Seguendo il filo di questa passione, i suoi genitori hanno deciso di onorarne il ricordo attraverso una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di defibrillatori da donare ai rifugi di montagna situati nei dintorni del Lago di Como. 

Per sostenere il progetto, i genitori di Simone hanno partecipato nei giorni scorsi a un'esercitazione del Soccorso Alpino organizzata dalla Stazione Triangolo Lariano. L'esercitazione si è svolta in parete ai Corni di Canzo (Corno Orientale) e ha visto l'allestimento di due linee di calata con diverse tipologie di manovre tecniche di soccorso. L’evento di simulazione fa parte di un programma addestrativo annuale, ma in questo caso l'appuntamento si è trasformato in qualcosa di speciale: al termine, infatti, si è svolta la consegna simbolica, da parte dei genitori di Simone, di due defibrillatori al Soccorso Alpino. I due dispositivi sono ora operativi a bordo degli automezzi di Canzo e di Valmadrera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Svizzera, l'Iceberg di Lugano riaccende le luci (rosse)

  • Nei bordelli ticinesi sconti per gli italiani: anche così si combatte la crisi

  • Tenta di stuprare una ragazza sul treno Chiasso-Como-Milano, ma lei reagisce e lo fa scappare

  • Litiga con un altro automobilista e gli disfa la macchina a pugni: è un comasco

  • Incidente in galleria a Cernobbio: viabilità al collasso

  • Nuovo supermercato in arrivo a Cernobbio

Torna su
QuiComo è in caricamento