In ricordo di Simone Bertelè: due defibrillatori donati al Soccorso Alpino

I genitori del giovane hanno preso parte a un'esercitazione del Cnsas ai Corni di Canzo

Simone Bertelè è un giovane di Como che ha perso la vita il 29 aprile 2019 in un incidente in moto ad Alzate Brianza. Simone aveva 26 anni, amava la montagna e la frequentava spesso. Seguendo il filo di questa passione, i suoi genitori hanno deciso di onorarne il ricordo attraverso una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di defibrillatori da donare ai rifugi di montagna situati nei dintorni del Lago di Como. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per sostenere il progetto, i genitori di Simone hanno partecipato nei giorni scorsi a un'esercitazione del Soccorso Alpino organizzata dalla Stazione Triangolo Lariano. L'esercitazione si è svolta in parete ai Corni di Canzo (Corno Orientale) e ha visto l'allestimento di due linee di calata con diverse tipologie di manovre tecniche di soccorso. L’evento di simulazione fa parte di un programma addestrativo annuale, ma in questo caso l'appuntamento si è trasformato in qualcosa di speciale: al termine, infatti, si è svolta la consegna simbolica, da parte dei genitori di Simone, di due defibrillatori al Soccorso Alpino. I due dispositivi sono ora operativi a bordo degli automezzi di Canzo e di Valmadrera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

Torna su
QuiComo è in caricamento