Guai economici per la Croce Rossa di Como: niente benzina per le ambulanze e dipendenti senza stipendio

I sindacati scrivono ai vertici nazionali per chiedere chiarimenti

Situazione allarmante alla Croce Rossa di Como: i mezzi del comitato locale di Menaggio sono senza benzina e i dipendenti senza stipendio, condizione, quest'ultima, condivisa anche da altri comitati locali della provincia, compreso il più numeroso, quello di Cantù.

A renderlo noto è il Segretario del sindacato della Sanità Uil Fpl del Lario Massimo Coppia, che martedì 24 settembre 2019 ha inviato una formale richiesta di informazioni ai vertici della CRI, in particolare al presidente nazionale della CRI a Roma Francesco Rocca, al presidente del comitato CRI della provincia di Como Matteo Fois e al commissario del comitato di Menaggio.

"Siamo venuti a conscenza - spiega Coppia - che alle ambulanze del comitato della Croce Rossa di Menaggio il benzinaio della zona non farà più rifornimento per via di mancati pagamenti che ammonterebbero a qualche migliaia di euro. Abbiamo saputo inoltre - aggiunge il Segretario - che gli stessi dipendenti del comitato locale menaggino non percepiscono lo stipendio da oltre due mesi; situazione condivisa anche da altri comitati locali: ai lavoratori della CRI Como, ad esempio, a tuttoggi non è stato ancora erogato lo stipendio di agosto".

"Secondo la stampa locale - continua Coppia - il comitato provinciale di Como non avrebbe pagato l'85% degli acconti previsti dalla convenzione in essere con AREU 118. Più di un comitato zonale della Croce Rossa di Como ha dovuto adire presso il Tribunale con ingiunzioni di pagamento per il riconoscimento delle somme a loro dovute e non stornate. Si tratta di somme già erogate da Regione Lombardia AREU 118, perché dunque non sono state distribuite ai comitati e ai lavoratori?".

"Il sindacato che rappresento giudica allarmante questa situazione non chiara, perciò chiediamo spiegazioni in merito a quanto stia avvenendo, ai mancati pagamenti degli stipendi ai lavoratori e, soprattutto, chiediamo se i servizi di Emergenza Urgenza 118 in alto lago siano garantiti oppure no. Ricordiamo che si tratta di servizi pubblici essenziali e di soldi pubblici già stanziati". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, lunedì 23 settembre 2019, il presidente della CRI nazionale, Francesco Rocca, ha proceduto, con apposito provvedimento, a prorogare il commissariamento del comitato locale della CRI Menaggio, posto in essere dall'ottobre 2018, per altri sei mesi e a sostituire il precedente commissario, Stefano Ciapponi, con Antonio Giuseppe Di Pietro. La sostituzione si sarebbe resa necessaria per far fronte alla grave situazione debitoria in cui verserebbe il comitato e per conferire quindi il mandato ad una figura professionale con maggiori competenze tecniche, quale sarebbe, per l'appunto, il nuovo commissario Di Pietro, il quale entro trenta giorni stenderà una relazione sulla situazione del comitato menaggino da inviare alla CRI regionale e nazionale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 13 aprile

  • Turismo sul Lago di Como, si prospetta una tragedia economica

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • Lomazzo, ragazza di 28 anni tenta il suicidio buttandosi dal secondo piano

  • Isolamento estremo: a Fino Mornasco dal 22 febbraio una famiglia con 2 bimbe non esce di casa

  • Lutto nella polizia penitenziaria: si toglie la vita un assistente capo di Como

Torna su
QuiComo è in caricamento