L'altro lato del coronavirus: la (veloce) app della polizia e i numeri antiviolenza da chiamare a Como

Le denunce sono in calo, ma non è un buon segno

Dobbiamo restare il più possibile a casa. Per la nostra salute e per quella dei nostri cari e di tutti i cittadini. Può essere molto stressante questa libertà limitata. Ma ci sono persone, specialmente donne, ma non solo, che non solo devono stare in casa, ma devono convivere fianco a fianco con il loro carnefice. Con un marito o un compagno violento, fisicamente o psicologicamente. In questo mondo dove la pandemia si muove velocemente e stravolge le nostre vite, ancora più difficile dev'essere vivere in casa con l'orco. La riprova di questo trend, è la diminuzione vertiginosa delle chiamate ai numeri di emergenza, come il 1522, istituito dal Dipartimento per le Pari Opportunità, a favore delle donne che hanno bisogno di aiuto. Secondo quanto riportato da alcuni operatori si assiste, ai tempi del coronavirus, al così detto "effetto week end". Infatti è noto che nei giorni di festa le chiamate di aiuto siano molte meno perchè il marito o il padre violento passa il suo tempo insieme alla famiglia che non ha, quindi, la possibilità di effettuare alcuna telefonata. 

La diminuzione delle denunce (che, come abbiamo capito non è un buon segno!) è cominciata a Milano, ed ha seguito tragicamente l'andamento e "gli spostamenti" del Covid-19. Quindi ora questo "effetto week end" tocca principalmente le città del Nord, ma è destinato a muoversi laidamente come il virus. Prima il territorio del lodigiano e Codogno, ma ora anche a Milano, Como, Monza, Lecco, Firenze e Torino si nota la differenza, esponenzialmente. Pochissime le richieste di aiuto. Bisogna stare in casa, e trovare il coraggio di scappare o denunciare, quando tutti ti dicono che in casa ci devi rimanere per forza, è ancora più complicato.

Youpol: la nuova app della polizia aggiornata apposta per far fronte a questo periodo

YouPol. L’app della Polizia di Stato per smartphone quindi si aggiorna prevedendo la possibilità di segnalare i reati violenti che si consumano tra le mura domestiche.

Ideata per contrastare bullismo e spaccio di sostanze stupefacenti nelle scuole, l’app è caratterizzata dalla possibilità di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato.

Le segnalazioni sono automaticamente geo-referenziate, ma è possibile per l’utente modificare il luogo dove sono avvenuti i fatti. E’ inoltre possibile dall’app chiamare direttamente il NUE e dove non è ancora attivo risponderà la sala operativa 113 della Questura. Tutte le segnalazioni vengono ricevute dalla Sala Operativa della Questura competente per territorio.

Per chi non vuole registrarsi fornendo i propri dati, è prevista la possibilità di segnalare in forma anonima.

Anche chi è stato testimone diretto o indiretto – per esempio i vicini di casa -  può ovviamente segnalare il fatto all’autorità di polizia, inviando un messaggio anche con foto e video.

L’applicativo, nato dalla ferma convinzione che ogni cittadino è parte responsabile ed attiva nella vita democratica del Paese, è facilmente installabile su tutti gli smartphone e tablet accedendo alle piattaforme per i sistemi operativi IOS e Android.

Il centro Antiviolenza di Como

Abbiamo raggiunto telefonicamente, negli scorsi giorni, anche il Centro Antiviolenza che si trova in via Giuseppe Ferrari n. 9 a Como. Margherita, una gentilissima operatrice, ci ha subito risposto. 

Anche lei, purtroppo, conferma l'andamento nazionale: non crede, insomma, che il numero inferiore di telefonate ricevute corrisponda ad un arresto della violenza tra le mura domestiche, al contrario. Probabilmente le donne o i figli, non hanno la possibilità concreta di telefonare o avvisare qualcuno.

«Una delle tecniche solitamente usate dagli uomini violenti passa proprio per l'isolamento. Questa situazione, paradossalmente, rinforza il compagno maltrattante. Isolare la propria moglie o compagna dalle amicizie e dagli affetti è qualcosa che da un nuovo potere al maltrattante. Non è un periodo facile- ribadisce Margherita- da passare tra le mura domestiche per molte donne, e il calo delle chiamate non è per forza un buon segno... anzi. Molti stanno a casa dal lavoro e lo stress è alto nelle famiglie normali, figuriamoci in quelle disfunzionali». 

Margherita ci ricorda che le operatrici  del Centro Antiviolenza di Como sono disponibili all'ascolto telefonico nei seguenti orari:

Lunedì dalle 10 alle 16

martedì e giovedì dalle 9 alle 14

Mercoledì e venerdì dalle 13 alle 18

Per telefonare al numero del Centro Antiviolenza comporre lo 031304585 oppure telefonare al numero verde provinciale dedicato 800166656

Ricordatevi che il 1522 è sempre attivo, 24/24 (chiamata gratuita anche dal cellulare). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • Quattro ristoranti? Di più, ecco chi sono i master chef lariani

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Studente positivo al covid al liceo Giovio di Como. E adesso cosa succede?

  • L'Orrido di Nesso, la cascata che fa paura e rumore quando piove

  • Incidente sulla A9 in direzione Como a causa di un cervo: lunghe code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento