Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al Valduce papà in sala parto e mamme mai separate dal bambino

Nella video-intervista con il Dottor Consonni anche storie di puerpere positive al covid

 

Roberto Consonni è primario di ostetricia e ginecologia e capo del dipartimento chirurgico all'Ospedale Valduce di Como. In questi mesi di emergenza coronavirus ha assistito centinaia di donne, puerpere ma anche persone con patologie e lui e la sua equipe hanno dovuto studiare modi nuovi per garantire non soltanto la salute delle pazienti e dei neonati, ma anche il diritto a vivere emotivamente al meglio un momento fondamentale e irripetibile della vita. Nella video-intervista ci spiega come l'emergenza sia stata gestita al Valduce, dentro e fuori la sala parto, quale sia stato il ruolo degli operatori e come le mamme positive al covid abbiano potuto comunque stare vicine ai loro bambini. Fra queste donne, ne sceglie una per raccontarci una storia toccante e di grande coraggio.

Parliamo poi del perché le donne reagiscano meglio al virus e in che percentuale siano praticamente asintomatiche.
Consonni chiude dandoci una previsione del futuro, da cittadino, ma soprattutto da primario. Quali sono gli errori da non rifare nella sanità? Cosa possono aspettarsi a breve e a lungo termine una paziente o una puerpera? E soprattutto, dopo il fatidico 4 maggio cambierà qualcosa anche negli ospedali?

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento