menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via libera alla vendita di piante e fiori, ma in Lombardia solo nei supermercati

Esulta Coldiretti: "Erano a rischio 27mila imprese"

Anche se in Lombardia ( come giunto da una nota della Regione di oggi, 28 marzo 2020, alle ore 16) ci saranno delle restrizioni in più data la situazione maggiormente critica. 

«In Lombardia - ha dichiarato Fabio Rolfi, assessore regionale lombardo ad Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi - è necessario un regime più ristretto sull'apertura dei punti vendita in considerazione dell'emergenza sanitaria. Nel frattempo è fondamentale sostenere la filiera della produzione. Scriverò a Federdistribuzione per chiedere di posizionare nei supermercati fiori e materiale da giardinaggio solo di provenienza italiana per consentire alla filiera del florovivaismo di avere una valvola di sfogo importante».

Coldiretti solo ieri aveva commentato ( qui la nota ufficiale) il chiarimento dato dal Governo in merito alla vendita di  fiori e piante che si trova nella pagina ufficale del sito del Governo stesso a questo link, tra le varie domande (le più frequenti) sulle misure adortate nell'ultimo decreto. «Si tratta di un risultato importante poiché – dice Coldiretti – senza fiori e piante sono a rischio 27mila imprese con 2,5 miliardi di fatturato che ora si trovano in gravissime difficoltà con il divieto di cerimonie come battesimi, matrimoni, lauree e funerali e le difficoltà alle esportazioni dove l’Italia ha svolto fino ad ora un ruolo di leader nel mondo con il record per le spedizioni florovivaistiche che nel 2019 hanno raggiunto ben 904 milioni di euro di piante, fiori e fronde, dirette soprattutto in Francia (188 milioni di euro), Germania (159 milioni di euro) e l’Olanda (153 milioni di euro)».

Ora Ettore Prandini, presidente di Coldiretti chiede a tutti i punti vendita della grande distribuzione, ai mercati e a tutti i punti vendita aperti, che promuovano la vendita di fiori e piante Made in Italy.

La vendita dovrà avvenire nel pieno rispetto delle disposizioni impartite dal Governo, con tutte le misure precauzionali e anti contagio 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Como e la Lombardia in zona arancione da lunedì 1 marzo

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Zona arancione fino a domenica 7 marzo

  • Attualità

    La conversione ecologica dell'aperitivo sul Lago di Como

  • Coronavirus

    La Svizzera riapre (quasi) tutto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento