Regione Lombardia scrive al Canton Ticino: "Troppe code alle dogane, riaprite i valichi secondari"

Lettera del presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi

Dal 27 aprile in Canton Ticino sono ripartite numerose attività. Da allora alle poche principali dogane aperte hanno cominciato a formarsi negli orari di punta lunghe e lente code di lavoratori frontalieri che creano disagi soprattutto ai residenti delle zone attraversate da tali code. Per questa ragione il presidente del consiglio di Regione Lombardia, Alessandro Fermi, ha firmato la lettera indirizzata al Gran Consiglio del Canton Ticino per chiedere la riapertura anche dei valichi minori.

“In virtù dei positivi rapporti di lavoro e delle numerose occasioni di collaborazione transfrontaliera - si legge nella missiva - con la presente desideriamo portare alla Vostra attenzione la delicata situazione che si sta verificando in questi giorni lungo le tratte stradali a ridosso dei confini italo-svizzeri. Una conseguenza che si sta riscontrando in seguito alla riapertura delle molteplici attività economiche che insistono sul Vostro territorio. A fronte della chiusura dei valichi secondari - da voi a suo tempo approntata al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini in ordine all’emergenza sanitaria in corso - i numerosi frontalieri, che ogni giorno superano i confini attraverso le dogane rimaste aperte, sono costretti ad affrontare lunghissime code. Una situazione che comporta notevoli disagi non solo per gli automobilisti in transito, ma anche per i residenti dei Comuni di frontiera interessati dal passaggio dei mezzi".

Nella lettera Fermi sostiene che "la limitazione degli spostamenti transfrontalieri - che sta già creando notevoli problemi viabilistici e ambientali - comporterà ancora maggiori criticità a seguito dei graduali allentamenti al lockdown previsti per le prossime settimane. Pur consapevoli della delicata situazione esistente, nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19 attualmente in vigore, Vi chiediamo di valutare un piano per la riapertura dei valichi secondari tra Canton Ticino e Regione Lombardia, che faccia convergere il diritto alla salute pubblica con quello al lavoro”.

L’iniziativa, promossa anche dalla vicepesidente Francesca Brianza, fa seguito anche a una Risoluzione approvata lo scorso 21 aprile in cui si sollecitava tra l’altro la temporanea sospensione della “tassa di collegamento” recentemente ristabilita dal Tribunale svizzero, la tutela occupazionale dei lavoratori frontalieri a fronte del rischio di licenziamenti di massa e la messa a disposizione dei frontalieri impegnati in attività essenziali di alloggi a prezzi calmierati per ridurre rientri e spostamenti lungo il confine..

“Auspichiamo che si possa tenere quanto prima un incontro tra le istituzioni lombarde e ticinesi - concludono Fermi e Brianza - per approfondire meglio le situazioni e gli argomenti di maggiore attualità che interessano i nostri territori, così da trovare soluzioni utili e condivise nell’interesse soprattutto di lavoratori e cittadini frontalieri e dei Comuni di confine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Ruffini, presidente di Moncler a Fontana: "Ridateci i milioni donati per la Fiera"

  • Un malore improvviso: addio a Mario Bottiani, fiorista del mercato coperto

  • Ecco cosa cambia se Como entra in zona arancione

  • Mascherine: i 5 errori da non commettere per evitare il contagio

  • Follia Lidl, anche nel Comasco file e corse per le scarpe (comprate a 12.99 e già in vendita a 200 euro)

  • Il Lago di Como, da paradiso dei vip a caso mondiale di covid: un danno incalcolabile

Torna su
QuiComo è in caricamento