Coronavirus

Il Vademecum degli italiani per viaggiare in Europa: certificati e regole per Grecia, Spagna, Croazia e Francia

Ecco cosa serve ad oggi per gli italiani per spostarsi in questi stati

Grecia (repertorio)

La certificazione verde o green pass sarà in vigore dal 15 giugno e sarà fondamentale per potersi spostare. Inizialmente, come ha affermato Massimo Garavaglia, il ministro del Turismo, se non saremo pronti con la versione digitale basterà anche il certificato carteceo.

Dal primo luglio però sarà la vera svolta con il certificato digitale Covid dell'Ue che a quel punto dovrà essere riconosciuto da tutta Europa.

Al momento, infatti, non per tutti gli Stati Europei sono in vigore le stesse regole, motivo per cui è essenziale informarsi bene su quelle esistenti nel paese che si intente visitare prima che vi sia l'unificazione del Certificato digitale Covid Ue.

Grecia

- Nessuna quarantena

- Test casuali a chi proviene dall'Europa

- Certificato di vaccinazione contro il Covid (anche seconda dose)

- il test Pcr molecolare negativo, fatto entro 72 ore prima dell’ingresso in Grecia 

- i bambini sotto i 5 anni sonoe senti da tampone

- certificato di guarigionr dal Covid almeno 60 giorni prima dell'ingresso 

- certificati accettati in italiano, tedesco, francese, spagnolo e russo

Croazia

La Croazia ha in uso la mappa del Centro Europeo dei colori (qui il link). per chi arriva dall'Italia quindi:

- nessuna quarantena

- certificato di vaccinazione completa che deve essere stata terminata almeno 14 giorni prima 

-se la persona ha avuto il covid basta la prima dose ma serve anche in questo caso una certificazione

- guarigione dal coronavirus (certificato del medico)

- Chi no ha nulla di quanto sopra dovtà portare un tampone negativo (bambini sotto i 7 anni non necessitano del tampone)

- Se non si porta un test valido o una delle opzioni sopra indicate il tampone sarà fatto in Croazia a spese proprie. Se positivo è previsto isolamento di 10 giorni. 

Spagna

- Nessuna quarantena se si ha tampone negativo 8anche rapito) fatto 72 ore prima. 

- I bambini sotto i 6 anni non devono presentare il tampone

- Il Certificato deve essere in spagnolo inglese, francese o tedesco se no deve essere tradotto da un organo ufficiale e di competenza. 

Francia

-Obbilgo di tampone 72 ore prima della partenza ma non sarà considerato valido l'antigenico. 

-Anche chi ha fatto il vaccino dovrà portare il test

- Ci sarà un modulo di autocertificazione da compilare

- Esentati i bambini sotto gli 11 anni

Tornare in Italia: cosa succede

Fino al 31 luglio l'Italia è in stato di emergenza sanitaria e quindi al rientro da un paese europeo o dal Regno Unito, rlanda del Nord, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco e Israele è necessario compilare il formulario digitale di localizzazione
Questo in attesa che siano emanate le linee del Covid pass.

I bambini di età inferiore ai due anni sono esentati dall’effettuazione del test. In mancanza della certificazione di un test o del Covid pass ci si dovrà mettere in isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per dieci giorni, informando il dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per il territorio e al termine effettuare un tampone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Vademecum degli italiani per viaggiare in Europa: certificati e regole per Grecia, Spagna, Croazia e Francia

QuiComo è in caricamento