Coronavirus

Covid, la Lombardia e Como pronte al V-day: al via la somministrazione dei vaccini

Le dosi sono state portate prima allo Spallanzani di Roma, poi all'ospedale Niguarda di Milano, da dove saranno distribuite a tutte le province Lombarde

Arrivo vaccini a Roma

È così il grande giorno è arrivato. Da domani, 27 dicembre 2020, saranno somministrati i primi vaccini in Lombardia. Sono 324 le fiale che verranno portate in Regione, al Niguarda per poi essere distrubuite nelle varie province. Il vaccino necessita di essere scrupolosamente conservato alla temperatura corretta. I primi a vaccinarsi saranno, come già annunciato negli scorsi giorni,  i presidenti degli Ordini provinciali dei medici della Lombardia. Ciò significa che il medico comasco Gianluigi Spata (presidente dell'Ordine della Lombardia oltre che di Como) sarà tra i primi lombardia ai quali verrà somministrato il vaccino anti-covid della Pfizer/BioNTech).

L'operazione Eos per il trasporto dei vaccini

Hanno passato il confine col Brennero e dalla caserma dei Carabinieri di Tor di Quinto sono state recapitate all’ospedale Spallanzani di Roma. Alle 11:20 di sabato 26 dicembre le prime 9750 dosi di vaccino Pfizer-Biontech provenienti dal Belgio sono infatti arrivate all’istituto epidemiologico della Capitale accolte dall’applauso del personale medico presente nel piazzale del nosocomio della via Portuense dove domenica 27 dicembre avrà luogo simbolicamente l’inizio del V-Day, con la vaccinazione simbolica ad una infermiera donna, un operatore socio-sanitario, una ricercatrice e due medici. 

Le 9.750 dosi arrivate allo Spallanzani saranno poi distribuite in tutta Italia. A dare manforte per questa operazione alle forze di polizia, ci sarà anche l'Esercito che darà il proprio contributo con l'operazione Eos. Secondo quanto apprende RomaToday da fonti militari, l'Arma dei Carabinieri fornirà il servizio di scorta ai movimenti via terra.

Le dosi, come riportato anche su Roma Today, saranno prima stoccate presso l'ospedale Spallanzani di Roma e poi distribuite nelle altre regioni. Dall'Istituto di Roma, una parte dei vaccini sarà trasportata a Pratica di Mare dove 5 aerei (due C27J dell'Aeronautica, due Dornier Do. 228 dell'Esercito e un P-180 della Marina) raggiungeranno le mete più lontane. I restanti vaccini raggiungeranno le destinazioni via terra con un impegno complessivo di 60 autoveicoli e circa 250 militari.

Da Roma, al Niguarda e poi anche in altri 14 presidi in Lombardia. 

14 presidi in Lombardia

I presidi individuati per le prime vaccinazioni, oltre al Sant'Anna di Como in Lombardia sono 14: l'ospedale di Codogno, di Alzano, il Papa Giovanni di Bergamo, gli Spedali Civili di Brescia, l'Asst di Cremona, l'ospedale Manzoni per Lecco, del Carlo Poma per Mantova, del Niguarda per Milano e dell'Rsa Pio Albergo Trivulzio. Tra i presidi provinciali sono stati scelti anche l'ospedale San Gerardo per la provincia di Monza e Brianza, il San Matteo per Pavia, il presidio ospedaliero di Sondrio e l'ospedale di Circolo per Varese. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, la Lombardia e Como pronte al V-day: al via la somministrazione dei vaccini

QuiComo è in caricamento