Coronavirus

Vaccini e vacanze: in Lombardia si può spostare la data del richiamo?

Al momento si può fare solo tramite call center, ma presto anche online

Lariofiere Erba Vaccini

In molti si stanno domandando come comportarsi in caso la seconda dose del vaccino venisse programmata proprio durante le ferie quando magari, dopo un anno tutt'altro che facile, si avrebbe solo voglia di rilassarsi e staccare la spina. Sarà possibile, in caso, spostare la data della seconda dose a Como e in Lombardia?

Regione Lombardia sta cercando ancora di trovare la quadratura del cerchio per la questione.

La possibilità di ricevere la seconda dose nel luogo della villeggiatura sembra ormai accantonata - anche se non del tutto -, ma un'ultima novità è arrivata venerdì mattina dal governatore Attilio Fontana. Parlando ai microfoni di Sky, il presidente lombardo ha spiegato che somministrare la seconda dose nei luoghi di vacanza “sicuramente è una cosa complicata ma siamo pronti a farlo. Cerchiamo di andare incontro alle esigenze dei cittadini che vanno in vacanza dando la possibilità di cambiare la prenotazione della seconda dose nel caso interferisca col periodo di vacanze. Per ora la cosa è fattibile tramite call center - ha assicurato il numero uno del Pirellone -, dalla fine del mese sarà possibile modificare la data direttamente online”. 

Stando a quanto annunciato dalla regione, quindi, entro fine giugno ci sarà la possibilità di cambiare la data del richiamo anche online e anche per le vacanze, mentre al momento è possibile chiedere uno slittamento solo tramite call center. Fontana ha parlato di periodi di vacanza "lunghi" - tre settimane - ma è evidente che comunque non bisogna superare i 41 giorni dalla prima dose per Pfizer e Moderna e le 12 settimane per Astrazeneca. 

“Siamo pronti nel caso ci venisse chiesto - ha assicurato Fontana - ad attrezzarci per vaccinare anche i turisti, a condizione che ci diano i vaccini”. Il presidente della Regione ha ricordato che “i lavoratori fino ad oggi li abbiamo tutti vaccinati, e anche gli studenti che si trovavano nel nostro territorio, quindi - ha detto - proseguiremo come abbiamo fatto fino ad oggi”.

In ogni caso, ha spiegato Fontana, anche se sarà possibile fare i vaccini nel luogo di vacanza, è “sicuramente meglio” fare il richiamo nello stesso centro prevedendo uno slittamento della seconda dose, modulando i tempi. Questo per evitare “eventuali errori nella comunicazione dei dati” tra i diversi sistemi di prenotazione regionale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini e vacanze: in Lombardia si può spostare la data del richiamo?

QuiComo è in caricamento