Sabato, 23 Ottobre 2021
Coronavirus

La Lombardia ha smesso di fare 100mila vaccinazioni al giorno: "Mancano le dosi"

Mediamente in Regione vengono inoculate circa 85mila dosi al giorno. Ecco la situazione

È diminuito il ritmo delle vaccinazioni anticovid in Lombardia. Dopo il picco raggiunto nella giornata di venerdì 30 aprile (oltre 116mila) la media delle inoculazioni è scesa intorno a 86mila. Il dato, confermato anche dal governatore Attilio Fontana, emerge analizzando il report pubblicato venerdì 7 maggio dal Ministero della Salute.

"Purtroppo a causa della carenza di vaccini abbiamo dovuto rallentare, infatti il generale Figliuolo ha abbassato il target per la nostra regione, che ora si attesta intorno alle 85mila inoculazioni al giorno — ha spiegato Fontana nella giornata di giovedì 6 maggio —. Voglio comunque sottolineare che la Lombardia è l’unica, insieme ad altre due regioni, ad avere mantenuto e superato i target".

villa erba vaccinazioni 2-2-2

Per far fonte alla carenza di dosi e tenere un ritmo alto il Ministero della Salute, dopo la decisione del Cts, ha deciso di allungare i tempi di richiamo per coloro che hanno ricevuto la prima dose di Pfizer e Moderna. Dal 7 maggio infatti, gli appuntamenti per i richiami di Pfizer e Moderna saranno fissati nella sesta settimana (35-42 giorni) e non più a 21 o 28. Non cambia nulla, invece, per tutte le persone che hanno ricevuto la prima "puntura" e hanno già l'appuntamento.

Come sta andando la campagna vaccinale in Lombardia

Dal 27 dicembre, inizio della campagna vaccinale, in Lombardia sono state inoculate 3.905828 dosi, l'87,1% di quelle inviate da Roma (4.483.010). La maggior parte dei farmaci è stata somministrata a persone anziane: gli over70 che hanno ricevuto almeno una dose sono stati 2.116.494; nella fascia 50-69 anni, invece, sono state somministrate 1.081.143 dosi; gli under50 vaccinati, infine, sono 708.191.

Attualmente nei frigoriferi della Lombardia ci sono oltre 577mila dosi di vaccino. Quasi 150mila di Vaxzevria-Astrazeneca; 322mila di Pfizer Biontech; 77mila di Moderna e, infine, 27mila di Janessen.

Le consegne dei vaccini stanno proseguendo. L'ultima in ordine cronologico è arrivata mercoledì 5 maggio: 363mila dosi di Pfizer.

Data Cosegna Fornitore Numero dosi
05 maggio Pfizer/BioNTech 363.870
03 maggio Moderna 10.000
03 maggio Pfizer/BioNTech 10.530
01 maggio Janssen 26.700
01 maggio Moderna 42.900
01 maggio Vaxzevria (AstraZeneca) 171.300
29 aprile Vaxzevria (AstraZeneca) 144.000
28 aprile Pfizer/BioNTech 393.120
28 aprile Vaxzevria (AstraZeneca) 10.000
26 aprile Moderna 39.800
26 aprile Vaxzevria (AstraZeneca) 22.400
22 aprile Janssen 30.550
21 aprile Pfizer/BioNTech 260.910
21 aprile Vaxzevria (AstraZeneca) 70.700
19 aprile Moderna 69.100
15 aprile Vaxzevria (AstraZeneca) 26.900
14 aprile Pfizer/BioNTech 260.910
13 aprile Pfizer/BioNTech 4.680
06 aprile Pfizer/BioNTech 255.060
03 aprile Vaxzevria (AstraZeneca) 212.500
02 aprile Moderna 81.400

Tabella - Fonte: Ministero della Salute

A partire da lunedì 10 maggio in Lombardia potranno prenotare il vaccino le persone tra i 50 e i 59 anni. Non è ancora chiaro, invece, se e quando verranno aperte le vaccinazioni per le persone sotto i 49 anni. Il prospetto della regione presentato il 1° aprile stimava che le prenotazioni del vaccino per questa fascia di età sarebbero partite tra il 14 maggio (nel caso in cui la macchina vaccinale fosse riuscita a 'macinare' 144 inoculazioni al giorno) e il 13 giugno, se i centri vaccinali avessero tenuto una media di 65mila inoculazioni al giorno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lombardia ha smesso di fare 100mila vaccinazioni al giorno: "Mancano le dosi"

QuiComo è in caricamento