Test sierologici in Lombardia: a Como e Varese i numeri più bassi

Ma il dato potrebbe non essere attendibile, nella zona troppe poche persone esaminate

I numeri generali danno uno spaccato, se pur non completo e definitivo, della diffusione del virus nella nostra regione. I test sierologici sono stati effettuati su coloro che erano stati messi in quarantena preventiva ma rispetto ai quali non si aveva la certezza del contagio. Più del 50% di queste persone sono risultate effettivamente positive agli anticorpi. Il test sierologico infatti, a differenza del tampone, non si limita a dire se il paziente è malato in questo momento, ma grazie a un esame del sangue rivela gli anticorpi sviluppati rispetto al coronavirus e quindi ci dice se siamo mai stati contagiati.

In Lombardia è stato analizzato il sangue di 25mila persone in isolamento domiciliare, più quello di altre 8mila fra gli operatori sanitari: di questi ultimi "soltanto" una media del 14% è risultata positiva a livello regionale (con un picco del 24% nella zona di Bergamo), il che fa dire alle autorità che le stime sinora ipotizzate riguardo alla diffusione del covid-19 in Lombardia siano abbastanza realistiche e non sottostimate come insinuavano alcuni.

Ma qual è esattamente la situazione nella zona che fa capo ad ATS Insubria? Como e Varese registrano il dato più basso in tutta la regione, ma in un certo senso anche quello meno affidabile, perché il numero di test è nettamente inferiore rispetto alla media regionale. Si sono sottoposti all’indagine sierologica 116 cittadini tra ASST Lariana e ASST Settelaghi (erano state invitate a fare l’esame 159 persone). 37 sono risultati positivi, 19 hanno dato un esito dubbio, mentre in 60 casi l’esito è stato negativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle prossime settimane molte altre persone saranno interessate dall'indagine e probabilmente a questi dati si potranno aggiungere quelli di privati e aziende che hanno deciso di sottoporre sé stessi o i propri dipendenti al test, anche se non soggetti a quarantena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio in piazza San Rocco a Como: ucciso don Roberto Malgesini

  • A Como la gara a chi mangia più arrosticini: il record da battere è 51

  • Chi era don Roberto Malgesini: un vero prete "di strada", in aiuto dei più deboli

  • I 7 migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Lo ha ucciso con un coltello: chi è l'assassino di Don Roberto Malgesini

  • Studente positivo al covid al liceo Giovio di Como. E adesso cosa succede?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento