Coronavirus

Scuola in presenza a Como: tamponi gratis, isolamento e rientro in classe, ecco la guida

Attivato il servizio per la prenotazione dei test covid. Le indicazioni per il personale scolastico, il ruolo dei medici e tutto quello che bisogna sapere

Studenti in classe

L'iniziativa deliberata a metà febbraio dalla giunta della Lombardia, che permette un tampone antigenico per verificare la positività al covid ogni quindici giorni, su prenotazione, a tutti gli studenti dai 14 ai 19 anni e al personale scolastico, era tornata alle cronache la settimana scorsa grazie a un messaggio Whatsapp fatto circolare nelle chat di mezza Lombardia, un po' impreciso ma non totalmente "fake", che comunicava appunto questa possibilità. 

La direzione Welfare di Regione Lombardia, venerdì scorso, aveva precisato i limiti dell'iniziativa proprio per evitare che il messaggio circolato via Whatsapp diventasse fuorviante. Ed ora la Regione Lombardia, con la ripartenza della didattica in presenza, ha voluto ulteriormente ribadire tutti i sistemi di prevenzione messi in atto dedicati a chi, a qualunque titolo, frequenta le scuole. 

Studenti e personale con o senza sintomi: i test

Gli strumenti a disposizione sono due; si differenziano a seconda che si abbiano sintomi oppure no. Eccoli. 

  • Se si hanno sintomi a scuola o fuori dall'ambiente scolastico, gli studenti (a partire dalla prima infanzia) e il personale scolastico possono effettuare un tampone (molecolare o antigenico) gratis e senza prenotazione, consultando anticipatamente il medico curante e autocertificando di avere avuto un consulto. Le autodichiarazioni sono per il personale scolastico, per gli studenti minorenni e per gli studenti maggiorenni. I punti tampone sono elencati sui siti delle singole Ats (a Milano: Novegro e Trenno).
  • Se non si hanno sintomi, è stato attivato un servizio semplificato di prenotazione del tampone (antigenico) per gli studenti tra i 14 e i 19 anni e il personale scolastico delle scuole secondarie di secondo grado e degli istituti di formazione professionale. Si tratta del provvedimento (preso a febbraio) contenuto in un ambiguo messaggio Whatsapp circolato la scorsa settimana un po' in tutta la regione, che aveva fatto precisare alla direzione Welfare le condizioni per accedervi, in modo da chiarire i dubbi sorti con il messaggio. Si accede dal portale Prenota Salute e si clicca sul secondo pannello ("prenota tampone antigenico"). Il servizio è per:
    • persone considerate contatti stretti asintomatici di un caso positivo individuato nell'ambiente scolastico;
    • persone non identificate come contatti stretti, "nell'ambito di campagne di testing ripetuto per la scuola". Attenzione: questa opportunità non è per tutti, come faceva pensare il messaggio Whatsapp, ma solo "per i ragazzi che frequentano le scuole che hanno aderito all’offerta, purché asintomatici", come precisato dalla direzione Welfare dopo la diffusione del messaggio Whatsapp.

Sui contatti stretti, la scuola fornisce l'elenco all'Ats. Se i contatti stretti sono studenti minorenni, i genitori ricevono un sms con un codice identificativo da utilizzare in fase di prenotazione. L'sms viene inviato anche al personale scolastico considerato contatto stretto. Tutti costoro possono prenotare il tampone antigenico su base volontaria dal quinto giorno del presunto contatto con il caso di positività. 

Che cosa accade all'esito del test antigenico?

Vediamo ora che cosa accade all'esito del test, distinguendo se lo si è fatto perché contatti stretti di un caso positivo oppure no.

  • Contatti stretti di caso positivo: in caso di positività al test antigenico rapido, lo studente/personale scolastico viene identificato come nuovo caso positivo e vengono applicate le indicazioni di isolamento e ai suoi contatti stretti le indicazioni di quarantena. Non serve confermare il risultato del test antigenico positivo con un tampone molecolare.
  • Contatti stretti di caso positivo: in caso di negatività al test antigenico rapido, lo studente/personale scolastico individuato come contatto di caso prosegue la quarantena fino alla scadenza prevista.
  • Non contatti stretti di caso positivo: in caso di positività al test antigenico rapido eseguito nell’ambito dell’offerta di testing ripetuto in assenza di sintomi o di contatto, è necessario sottoporsi al test molecolare. In caso di positività, il soggetto viene quindi identificato come nuovo caso Covid-19 positivo, con applicazione delle indicazioni di isolamento e di quarantena ai suoi contatti stretti.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola in presenza a Como: tamponi gratis, isolamento e rientro in classe, ecco la guida

QuiComo è in caricamento