menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mani di due anziani (foto Today)

Mani di due anziani (foto Today)

Svizzera: in caso di sovraffollamento rianimazione negata agli anziani malati di covid

Il presidente dell’Ordine dei Medici del Canton Ticino: "Scelta pesantissima per qualsiasi medico, ma le regole sono queste"

Un protocollo da seguire in caso le terapie intensive fossero sovraffollate. Un iter che prevede l'esclusione dalla rianimazione delle persone anziane malate di covid. Un scelta, come dichiarato anche dal presidente dell'Ordine dei Medici del Canton Ticino, molto pesante. Questo parte del testo del protocollo stilato dall'Accademia Svizzera delle Scienze Mediche e dalla Società Svizzera di Medicina Intensiva:

Al livello B, indisponibilità di letti in terapia intensiva, non andrebbe fatta alcuna rianimazione cardiopolmonare”. A pagina 5 del documento sono indicate le tipologie di pazienti destinati a non essere ricoverati in Terapia Intensiva: “Età superiore a 85 anni. Età superiore a 75 anni accompagnata da almeno uno dei seguenti criteri: cirrosi epatica, insufficienza renale cronica stadio III, insufficienza cardiaca di classe NYHA superiore a 1 e sopravvivenza stimata a meno di 24 mesi

Più di seimila casi in un giorno hanno portato la Svizzera a mettere nero su bianco quello che succede in varie rianimazioni di tutto il mondo dove spesso sono i medici a dover scegliere. Il rapporto dei casi nel territorio elvetico è 494,9 ogni 100 mila abitanti. Il doppio che in Italia e in Austria, cinque volte più che in Germania, come riportato anche su La Repubblica. Sembrerebbe che questo documento sia stato redatto a marzo ma che sino ad ora non sia stato necessario adottarlo. Il titolo è esaustivo: «Triage dei trattamenti di medicina intensiva in caso di scarsità di risorse».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento