menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dogana Italia Svizzera (Ticino)

Dogana Italia Svizzera (Ticino)

Quadri: "I frontalieri? Hanno impestato il Canton Ticino con lo stramaledetto covid"

Ancora una volta dichiarazioni pesanti nei confronti dei lavoratori italiani e non solo

Ancora una volta, dall'altra parte del confine, arrivano parole pesantissime nei confronti dei frontalieri che ogni giorno passano la dogana per andare a lavorare dall'Italia alla Svizzera. Questa volta a pronunciarle è stato Lorenzo Quadri, il direttore del Mattino della Domenica e consigliere nazionale della Lega dei Ticinesi, che ha duramente attaccato i 70mila frontalieri, indicandoli, come anche riportato su La Stampa, come gli untori della Svizzera

Quadri afferma che «il transito transfrontaliero pone un problema sanitario: in marzo il Ticino si è impestato a causa dei confini spalancati con l'Italia,  nella seconda ondata i contagi sono partiti dalla Romania a causa della libera circolazione con la Francia: allora bisogna intervenire con della restrizioni anche sui 70 mila e passa frontalieri, e sulle svariate migliaia di padroncini. Invece, la Svizzera non ha posto alcun limite all'accesso dei frontalieri».

Quadri non tiene conto che, effettivamente, in Canton Ticino le misure prese contro i contagi sono state molto più blande e non si pone neanche il dubbio che possa essere stato il contrario, ovvero, specie nella così detta seconda ondata, che il covid sia stato "portato" in Italia e a Como dalla Svizzera. Como che, con Varese, viene da Quadri indicata come una delle province con più elevato numero di contagi. 

Quadri affonda ancora più pesantemente: 

«Se nel loro paese sotto Natale gli italiani non possono spostarsi nemmeno da un comune all'altro se non per lavoro o per emergenze sanitarie, i 70 mila e passa frontalieri entrano tutti i giorni in Ticino come se niente fosse. Non ci vuole molta fantasia immaginare quale sarà lo scenario futuro. Ticinesi come indiani nella riserva grazie alla partitocrazia spalancatrice di frontiere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento