rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Coronavirus

Stato di emergenza fino a marzo 2022 e proroga del green pass: le ipotesi

Le parole del ministro della Salute Roberto Speranza nel suo intervento su Rai 3

In Lombardia e a Como la situazione pandemica sembra attualmente sotto controllo, tuttavia a livello nazionale i dati sono in aumento e avvicinandosi lo scadere dello stato di Emergenza nazionale ci si interroga su quelle che potrebbero essere le decisioni del Governo. Qualche risposta in merito, sempre nell'ambito delle ipotesi, l'ha data, come riportato anche da Il Corriere della Sera, il ministro della Salute Roberto Speranza nel suo intervento su Rai 3. 

Se la curva dei contagi continuerà a salire e se ci sarà la necessità il Governo è pronto a prolungare lo stato d'emergenza almeno fino al 22 marzo 2022 e di conseguenza anche l'utilizzo del green pass nei luoghi di lavoro e dove previsto. 

Lo stato d'emergenza ( e l'utilizzo del green pass) al momento sono in scadenza il 31 dicembre 2021. Potrebbe anche accadere che green pass e stato d'emergenza prendano strade diverse. Speranza ha infatti detto che il certificato verde «ci consente di tenere aperti tutti i luoghi della socializzazione, della cultura, i ristoranti, le scuole e le università: in un quadro epidemiologico diverso, faremo naturalmente tutte le valutazioni necessarie».

Lo stato di emergenza

Il 31 gennaio 2020 l'allora presidente del Condiglio Giuseppe Conte introdusse lo Stato di emergenza, poi allungato più volte. Ci sono però dei limiti. Lo Stato di emergenza non può durare per più di due anni. Questo è previsto dall’articolo 24 del decreto legislativo 1/2008: lo Stato di emergenza non può superare i 12 mesi ed è prorogabile per non più di ulteriori 12 mesi. Quindi sarebbe possibile estenderlo al massimo fino al 31 gennaio 2022, a meno che non vengano usati strumenti legislativi. 

Se non venisse prorogato lo Stato di emergenza questi sarebbero i principali cambiamenti:

- Terminerebbe il lavoro del Cts (Comitato Tecnico Scientifico)

- Smartworking: si tornerebbe definitivamente alla situazione ordinaria e le regole sullo smartworking andrebbero ritrattate sia per l'amministrazione pubblica che  per le singole aziende con i propri lavoratori e dipendenti. 

- Viaggi: non ci sarebbero piu' restrizioni di viaggio da e per l'Italia e il Governo non potrebbe limitare gli spostamenti dei cittadini italiani all'estero anche per motivi turistici e anche in paesi considerati ad alto rischio. 

Il green pass 

La proroga dello Stato di emergenza a fine marzo 2022 sembra più di un'ipotesi, ma qualora non venisse decretata il Governo sta anche pensando di prolungare l'utilizzo del green pass almeno fino a giugno 2022, questo a prescindere dall'emergenza sanitaria in quanto considerato struento per ridurre i contagi. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stato di emergenza fino a marzo 2022 e proroga del green pass: le ipotesi

QuiComo è in caricamento