Coronavirus

Lombardia, i ristoranti devono conservare per 14 giorni i nominativi dei clienti

Nuova ordinanza del governatore Attilio Fontana

Con una nuova ordinanza regionale datata al 29 maggio 2020 il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha imposto le regole che ogni tipologia di attività commerciale e produttiva deve rispettare per garantire la prevenzione del contagio da coronavirus. Tra queste regole spiccano gli obblighi ai quali devono adempiere bar e ristoranti, come la misurazione della temperatura (obbligatoria per i dipendenti e raccomandata per i clienti) e la conservazione dei nominativi dei clienti che hanno prenotato.

Nell'ordinanza, per esempio si legge che "se durante l’attività il lavoratore dovesse manifestare i sintomi di infezione respiratoria da COVID-19 (es. febbre, tosse, raffreddore, congiuntivite) sarà posto in isolamento e segnalato alle autorità sanitarie. La rilevazione della temperatura corporea è fortemente raccomandata per i clienti mentre per quelli che consumano al tavolo è obbligatoria".

E ancora: "Negli esercizi che dispongono di posti a sedere, privilegiare l’accesso tramite prenotazione, mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato per un periodo di 14 giorni, garantendo il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali. In tali attività non possono essere presenti all’interno del locale più clienti di quanti siano i posti a sedere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lombardia, i ristoranti devono conservare per 14 giorni i nominativi dei clienti

QuiComo è in caricamento