rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Coronavirus

Riapre l'ospedale covid in Fiera: ricoverato il primo paziente

Per Attilio Fontana lo scopo è "tenere più libere le rianimazioni dei singoli ospedali"

Sono trascorsi sette mesi da quando l'ospedale in Fiera di Milano, creato per assistere pazienti covid, ha chiuso i battenti. Costruito in piena emergenza sanitaria, nella primavera 2020, il nosocomio era stato poi chiuso lo scorso giugno rimanendo disponibile per futuri picchi pandemici.

I casi con l'arrivo dell'estate erano diminuiti e la pandemia riusciva ad essere gestita dai reparti dei singoli ospedali.

La decisione di riaprire l'ospedale in Fiera è stata presa dalla Regione per cercare di alleggerire la pressione sugli altri ospedali della Lombardia e poter garantire a chi affetto da altre patologie le giuste cure.

Il primo paziente è arrivato oggi, 14 gennaio 2022.

L'ospedale in Fiera è stato aperto tre volte: a inizio pandemia (marzo-giugno 2020) e con la seconda ondata tra ottobre 2020 e giugno 2021 e infine oggi 14 gennaio 2022. 

La gestione è affidata al Policlinico di Milano.  

All'interno - spiegano - sono stati riattivati due moduli da 15 letti ciascuno, per un totale di 30 disponibili. Alle 12.30 è stato ricoverato il primo paziente. Medici e infermieri provengono, oltre che dal Policlinico anche da Niguarda. Se il numero dei ricoverati dovesse aumentare, potrebbero arrivare anche i sanitari di altre strutture deò territorio come avvenne in passato. 

A coordinare il trasferimento dei pazienti dalle terapie intensive di tutta la Lombardia è la direzione generale Welfare della Regione, che si occuperà anche di monitorare attentamente la situazione e, qualora ve ne fosse la necessità, riattivare, in anticipo, altri moduli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre l'ospedale covid in Fiera: ricoverato il primo paziente

QuiComo è in caricamento