rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Coronavirus

Approvata al Pirellone relazione finale su emergenza covid: "Ritardi organizzativi a causa dello Stato"

L'opposizione: "Problemi di gestione sanitaria preesistenti"

E' stata approvata, dopo 40 sedute e l’audizione di 66 persone tra politici ed esperti, la relazione finale sull'emergenza covid. Il lavoro della Commissione d’inchiesta sulla prima fase dell’emergenza Covid 19 è approdato oggi in aula consiliare dove si è svolto un ampio dibattito sui contenuti delle relazioni di maggioranza e di minoranza illustrate rispettivamente dai consiglieri Manfredi Palmeri (Polo di Lombardia) e Jacopo Scandella (PD). Al termine del dibattito il consiglio regionale ha approvato con 43 voti a favore e 21 contrari l’ordine del giorno firmato dai capigruppo di maggioranza (primo firmatario Roberto Anelli, Lega) nel quale si sottolinea che la Commissione d’inchiesta “ha svolto il suo mandato con professionalità, scrupolo e zelo istituzionale” e si approva la Relazione conclusiva di maggioranza Durante il dibattito avvenuto nel pomeriggio sono intervenuti Consiglieri di tutti i gruppi consiliari, compreso il Presidente della Commissione d’inchiesta Gianantonio Girelli (PD).

Le Relazioni di maggioranza e minoranza - In riferimento alle informazioni e ai dati raccolti, le conclusioni della Relazione conclusiva (suddivise in 12 paragrafi) rilevano che “Regione Lombardia ha operato attivamente, instancabilmente e con ogni mezzo a propria disposizione per contrastare il deflagrare di un evento sconosciuto e inatteso” e che, pur attenendosi alle disposizioni nazionali, la stessa Regione ha dovuto fare i conti con una “mancanza di informazioni scientifiche e di indicazioni operative dal parte dello Stato”, aspetto che “ha causato un grave ritardo nell’attivazione della macchina organizzativa”. “Ciononostante – chiosa il documento - Regione non ha risparmiato gli sforzi e in taluni casi ha anticipato le disposizioni nazionali con l’unico scopo di offrire a tutti i cittadini -nessuno escluso- le cure di cui avevano bisogno”. Da parte delle opposizioni si è voluta invece sottolineare la “resistenza della politica a credere nella gravità dei fatti”, un atteggiamento che ha riguardato OMS, governi nazionali e regionali e molte articolazioni politiche, con l’aggravante che “in Lombardia alcuni problemi strutturali interni alla gestione sanitaria esistevano già prima di questa pandemia: il Covid li ha soltanto enfatizzati”. Infine nella Relazione di minoranza si evidenzia in negativo “la scelta di non coinvolgere le opposizioni né riguardo la conoscenza dei dati né riguardo le scelte da prendere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvata al Pirellone relazione finale su emergenza covid: "Ritardi organizzativi a causa dello Stato"

QuiComo è in caricamento