Lunedì, 14 Giugno 2021
Coronavirus

Il piano del governo, c'è una data: fuori dal lockdown dal 2 giugno

Ma già dal 20 aprile Il ministro del turismo Garavaglia promette una graduale riapertura delle attività

Fuori dal lockdown il 2 giugno, ovvero nel giorno della Festa della Repubblica. Anche il Lago di Como sogna così di tornare alla normalità prima dell'estate. L'annuncio è del ministro del Turismo in quota Lega Massimo Garavaglia in un'intervista a La Stampa, mentre il governo Draghi è ancora alle prese con l'emergenza vaccini e il piano per le riaperture dovrebbe prendere le mosse a partire dal 20 aprile e a partire da oggi lunedì 12 aprile restano solo quattro regioni in zona rossa: Valle D'Aosta, Campania, Puglia e Sardegna.

L'Italia fuori dal lockdown: cosa succede dal 20 aprile al 2 giugno

Nell'intervista Garavaglia spiega che nei prossimi giorni la cabina di regia del governo sull'emergenza coronavirus comincerà a programmare alcune aperture, sempre sulla base dei dati scientifici e dell’andamento dei contagi. Settore per settore: "Ogni settimana che passa perdiamo pezzi di Pil e non ce lo possiamo permettere». E per quanto riguarda la stagione turistica l’esponente della Lega dice di lavorare per farla ripartire «a maggio, almeno per le spiagge, con protocolli rafforzati all’inizio". Per Garavaglia comunque la cosa più importante è dare una prospettiva. "Ovvio che sarei più contento se le spiagge, come l’anno scorso, aprissero a metà maggio».

In ogni caso, enfatizza, entro la festa della Repubblica dovrà essere aperto tutto o quasi tutto. "Quando ho parlato del 2 giugno facevo riferimento alla più importante festa nazionale, ossia quella della Repubblica. In Francia ad esempio hanno indicato il 14 luglio. Mi riferivo a una data finale entro la quale mi auguro sia aperto tutto o quasi tutto. Ovviamente dipende dal piano vaccinale. Da tempo diciamo che dobbiamo programmare. Sappiamo che, finché i numeri non lo consentono, bisogna essere molto prudenti. Ciò non vuol dire che non si deve programmare. Ci sono attività che puoi aprire il giorno dopo: per esempio domani una Regione è in arancione e allora i parrucchieri possono riaprono. Ci sono invece delle attività che hanno bisogno di settimane se non di mesi di anticipo per programmare l’apertura. Ogni settore ha una storia a sé".

Garavaglia promette un cronoprogramma che riporti, settore per settore, un impegno del governo alla riapertura. Con protocolli più stringenti nella fase iniziale e poi, via via, una nuova normalizzazione. Per aprile promette la riapertura delle attività di ristorazione "se ci sono le condizioni". E punta anche sulle isole Covid free e il green pass: "I tempi dell’Europa non sono ancora certi, si parla di 15 giugno. Secondo noi bisogna anticipare un po’ per garantire la circolazione nei tempi giusti e per programmare la stagione estiva. Cosa prevede il green pass? Se sei vaccinato o no, se hai avuto il covid e quindi hai gli anticorpi, se hai fatto il tampone. La condizione del tampone è la più semplice perché comunque, nelle more della vaccinazione, ti può consentire una circolazione e una mobilità in sicurezza. Non è un caso che la sperimentazione dei voli che vengono da New York senza quarantena ponga questa regola. Sardegna sicura è sostanzialmente il lasciapassare europeo. Questo può garantire l’apertura di diverse attività e anticipare il periodo in cui saremo vaccinati e avremo l’immunità di gregge".

Ma le varianti minano le riaperture

Il Comitato Tecnico Scientifico si riunirà già oggi per cominciare a valutare la questione delle riaperture con tanto di calendarizzazione. "Nel mese di marzo e aprile abbiamo scelto di non avere fasce gialle, perché la variante inglese ha una maggiore capacità di diffusione; ora ci sono due effetti su cui puntiamo per la seconda metà della primavera: da un lato le misure che hanno piegato la curva, sono 3 settimane che l'Rt ha un segno meno; poi c'è la leva della vaccinazione, la vera chiave per provare a uscirne". "Ogni chiusura comporta sacrifici sul piano personale, sono consapevole delle difficoltà di tante attività commerciali ed economiche, possiamo provare ora a capire come gestire questa fase e programmare settimane con meno limitazioni", ha detto ieri il ministro della Salute Roberto Speranza a Che tempo che fa. 

Con un ulteriore calo dell'incidenza e dell'Rt, con la conferma della discesa dei ricoveri in terapia intensiva e con l'aumento delle somministrazioni dei vaccini che si sono assestate sulle 300mila dosi al giorno - con 9 milioni di italiani, il 15% della popolazione vaccinabile che hanno avuto almeno una dose - potrebbero dunque essere ripristinate già dal 20 aprile le zone gialle, con la conseguente apertura dei ristoranti, almeno a pranzo, ma anche di musei, cinema e teatri, con ingressi contingentati.  Ma i dati della prossima settimana, ribadisce una fonte qualificata di governo all'agenzia di stampa Ansa, saranno "essenziali" per capire in che direzione si procederà. In attesa che venga decisa la data del confronto tra le forze politiche, un elemento è già chiaro: se si deciderà di riaprire, saranno fatte comunque scelte "selettive e ponderate", come ribadisce il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli. Insomma, non ci sarà un liberi tutti e la maggior parte delle attività che sono chiuse dovrà attendere maggio.

I dati saranno dunque fondamentali e, stando a quelli dell'ultimo monitoraggio, ad oggi diverse regioni avrebbero numeri da zona gialla, con l'Rt sotto l'1, tra cui il Lazio e il Veneto, le Marche e il Molise. Ma è anche vero che ci sono ben 13 Regioni e la provincia di Trento con il tasso di occupazione delle terapie intensive ancora sopra la soglia critica del 30%.

La campagna vaccinale e la riapertura di cinema e teatri

L'altro elemento che va tenuto in considerazione è la campagna vaccinale, come ha detto chiaramente il presidente del Consiglio Mario Draghi: chi prima vaccina gli anziani prima riparte. Ad oggi il 68,20% dei quasi 4,6 milioni di over 80 ha avuto almeno una dose ma la percentuale scende sotto il 20% nella popolazione tra 70 e 79 anni. Il richiamo è stato invece somministrato al 38,79% degli ultra ottantenni e solo al 2,48% dei settantenni. Dunque bisogna correre di più, perché la maggioranza degli anziani è ancora a rischio. Tanto che, scrive il Corriere della Sera oggi, il premier Draghi si sta muovendo in prima persona con le aziende per avere garanzie sulle consegne dopo i ritardi. Il quotidiano aggiunge che proprio a causa di questa situazione è arrivata l'indicazione di non superare le 300mila somministrazioni al giorno perché altrimenti si rischia di rimanere senza scorte. 

Ed è per questi motivi che le eventuali aperture potrebbero scattare non prima del 25 aprile. Per maggio invece il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha ipotizzato l'apertura dei ristoranti anche la sera: "torneremo con i colori nelle regioni, compreso il giallo. I ristoranti possono aprire da maggio e a meta' del mese anche a cena". Il centrodestra però vorrebbe anticipare. Il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani chiede a Draghi di convocare il Cdm per il 20 aprile e preannuncia un cronoprogramma con le riaperture. "E' giunto il momento di passare dalle parole ai fatti", aggiunge il capogruppo alla Camera Roberto Occhiuto. Matteo Salvini la posizione della Lega l'ha ripetuta piu' volte e ha anche ipotizzato una data per riaprire, il 19 aprile. "Se la scienza vale quando si torna al rosso vale anche quanto si passa al giallo". E se anche Italia Viva chiede di "programmare le riaperture" di ristoranti, cinema e palestre a frenare è il Pd e lo stesso ministro della Salute Speranza.

In attesa del confronto politico, saranno nelle prossime ore sul tavolo del Comitato tecnico scientifico le richieste delle associazioni di categoria del mondo del cinema e dello spettacolo, con il ministro dei beni culturali Dario Franceschini che punta ad un ampliamento della capienza prevista dai protocolli, attualmente ferma a 200 persone al chiuso e 400 per gli eventi all'aperto. Cinema, teatri, musei e spettacoli all'aperto potrebbero essere i primi a ripartite, assieme ai ristoranti. Su questo fronte la Fipe vedra' martedi' il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgietti per sottoporre nuovamente il protocollo che chiedeva l'apertura dei ristoranti in zona gialla anche la sera e in zona arancione solo a pranzo. Il documento è stato bocciato già a gennaio dal Cts. 

Continua a leggere su QuiComo.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il piano del governo, c'è una data: fuori dal lockdown dal 2 giugno

QuiComo è in caricamento