Coronavirus

La protezione civile di Como cerca nuovi volontari: ecco come candidarsi

E quali mansioni si svolgeranno

La distribuzione del cibo fra la popolazione in difficoltà è una delle missioni della protezione civile

Bisogna essere residenti o domiciliati a Como, maggiorenni e con meno di 60 anni, avere la patente e poter offrire una disponibilità continua. Questi i requisiti per chi desidera proporsi come volontario temporaneo a supporto della protezione civile comunale. Il nuovo “bando” è stato aperto in questi giorni proprio per permettere a tutti di dare un aiuto in questo momento di grave difficoltà per il paese e in particolare per la nostra città, in cui ieri, 18 aprile, i contagi continuavano a salire.

Cosa faranno i volontari:

  • Supporto nella consegna di beni alimentari alla popolazione;
  • Distribuzione di mascherine per la cittadinanza;
  • Attività di magazzino e altre attività logistiche.

Gli interessati possono candidarsi compilando il documento relativo sul sito del comune, nella sezione “avvisi dell'albo pretorio”, nelle news, in home page e nella sezione dedicata all'emergenza. Il form dovrà poi essere spedito a segreteria.procivcomo@gmail.com.
«Abbiamo voluto estendere questa possibilità - spiega l’assessore alla Polizia locale e Protezione civile Elena Negretti - ai cittadini che desiderano dare una mano alle persone in difficoltà insieme alla nostra Protezione civile. In tanti ci hanno contattato in questo primo periodo di emergenza mettendosi a disposizione. Posso testimoniare che dedicare il proprio impegno e il proprio tempo in questo tipo di attività non rappresenta solo un aiuto concreto per gli altri, ma un momento prezioso per sé e per i legami che segnano la differenza sostanziale tra un insieme di individui e una comunità».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La protezione civile di Como cerca nuovi volontari: ecco come candidarsi

QuiComo è in caricamento