menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I due parrucchieri

I due parrucchieri

Como, paradossi del dpcm: parrucchiere nel centro commerciale multato perché lavora di domenica

Mentre i concorrenti su fronte strada possono restare aperti nei festivi

Accade a volte che le norme vadano interpretate per poterle applicare, perché non sempre sono chiare ed esaustive. Inutile, quindi prendersela con chi queste norme le deve fare rispettare - come gli uomini e le donne delle forze dell'ordine -  perché talvolta sono di difficile interpetazione persino per i giuristi di lungo corso. Non per nulla l'Italia è il paese con il maggior numero di avvocati in Europa.

La vicenda che vede protagonisti, loro malgrado, Roman e Mery, titolari dell'attività di parrucchiere Jean Louis David all'interno del centro commerciale Esselunga di Camerlata a Como, è un esempio delle assurdità che a volte portano con sé alcune norme, come l'ultimo dpcm di Giuseppe Conte. Per quanto riguarda i parrucchieri è previsto che possano restare aperti anche nei festivi e prefestivi perché sono considerate attività essenziali. Ma cosa succede se un parrucchiere si trova all'interno di un centro commerciale? Il dpcm non fa una distinzione chiara, ma si limita a imporre la chiusura nei festivi e prefestivi di tutte le attività commerciali che si trovino, appunto, all'interno di un centro commerciale. E così veniamo al paradosso: il parrucchiere nel centro commerciale rischia di essere multato e di dovere restare chiuso mentre il concorrente che ha il negozio al di là della strada può lavorare. 
Roman e Mery hanno fatto le spese di queste norme poco chiare che lasciano aperte diverse possibilità di interpretazione. Gli agenti della polizia locale di Como domenica 6 dicembre hanno multato i due parrucchieri e intimato loro di chiudere, perché il dpcm non prevede la possibilità di restare aperti nei festivi e prefestivi all'interno di un centro commerciale. Dunque, sanzione da 400 euro. "Eppure - spiegano Roman e Mery - abbiamo un negozio anche in un centro commerciale di Varese e lì le autorità ci hanno detto di stare tranquilli, perché possiamo restare aperti. Qui a Como, invece, il dpcm è stato interpretato diversamente. Secondo noi prima di multare e far perdere giornate di lavoro e guadagni a onesti lavoratori bisognerebbe essere più che certi di stare applicando correttamente la legge. Nel nostro caso - concludono i due parrucchieri - ci sembra proprio che ci siano margini per interpretare la normativa in modo ben differente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Coronavirus

Como e provincia in zona arancione rinforzata

Coronavirus

Zona arancione fino a domenica 7 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento