menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutte le misure restrittive confermate fino al 13 aprile

Il ministro Speranza in Senato: proroga fino a Pasquetta dei provvedimenti anti-contagio

Le misure restrittive per contenere la diffusione del coronavirus sono confermate fino al 13 aprile. Non si tratta di una sopresa, visto che era stato già ampiamente previstro, ma oggi la conferma ufficiale è stata data dall ministro della Salute Roberto Speranza davanti all'aula del Senato: la decisione del governo è di "prorogare fino al 13 aprile 2020 tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate".

"Sono qui non solo per informare il Paese ma per ascoltare. Un clima positivo è fondamento per tenere unito il Paese. Non è il tempo delle divisioni" ha detto Speranza in aula al Senato per riferire sulle iniziative del Ministero che guida in questa drammatica fase di emergenza coronavirus. "Siamo in una crisi globale, in poche settimane il mondo ha dovuto cambiare le proprie abitudini. Di fronte a questo, è l’ora della cooperazione e della solidarietà, nessuno si salva da solo. Non possiamo permettere che da una crisi sanitaria derivi una crisi sociale. Non è questo il tempo delle mezze parole: attenzione a non commettere degli errori proprio adesso. Non dobbiamo confondere i segnali positivi con un cessato allarme. La battaglia è ancora molto lunga e non possiamo abbassare la guardia".

Quindi la conferma del blocco almeno fino al 13 aprile: "La strada è lunga perché senza vaccino non sconfiggeremo il Covid, dovremo saper affrontare una fase di transizione con misure di precauzione perché non si formino nuovi focolai. Certo, dobbiamo programmare il domani, ma senza smettere di essere consapevoli di cosa sia questa fase. Confermiamo fino al 13 aprile misure di contenimento". "In Europa e nel mondo - ha aggiunto - è in corso una terribile tempesta. Il numero dei contagiati da questo virus corre velocemente verso il milione di casi. L'economia frena, mentre le nostre città sono quasi ferme. Sembrava impossibile, eppure in poche settimane sono radicalmente cambiate le nostre abitudini consolidati stili di vita. Credo che ciascuno di noi non dimenticherà mai queste giornate"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento