Lettera di Bongiasca ai sindaci: "Il 31 marzo fate un minuto di silenzio davanti al vostro municipio"

Il presidente della Provincia scrive ai primi cittadini chiedendo un momento di cordoglio perle vittime del coronavirus e i loro famigliari

Nella giornata del 28 marzo 2020 il presidente dell'amministrazione provinciale di Como, Fiorenzo Bongiasca, ha inviato una lettera ai sindaci di tutto il territorio comasco per chiedere di partecipare a una sorta di flashmob istituzionale per esprimere solidarietà cordoglio e vicinanza alle vittime del coronavirus e ai loro famigliari. Aderendo alla proposta dell'Unione Province d'Italia, Bongiasca chiede che vengano esposte le bandiere tricolori a mezz'asta e che ogni sindaco osseerrvi un minuto di silenzio davanti al Monumento ai Caduti (nel caso del primo cittadino del capoluogo) o davanti al proprio Municipio. Ecco il testo della lettera.

Mi rivolgo a Voi in un momento molto particolare, di grande difficoltà per il nostro territorio e per la nostra gente, in una situazione di estremo sconforto nel vederci privati anche della possibilità di stringere per l’ultima volta i nostri cari e dare loro una degna sepoltura.

Mi faccio portavoce della richiesta pervenuta dall’Unione Province d’Italia chiedendoVi che martedì 31 marzo tutti i Comuni e le istituzioni comasche espongano le bandiere a mezz’asta e alle ore 12 il Sindaco con la fascia tricolore osservi un minuto di silenzio davanti al
Municipio o al Monumento ai Caduti a nome di tutta la cittadinanza che sarà chiamata a farlo nella propria abitazione.

Mai avrei pensato di dovermi rivolgere a Voi per una tale richiesta: ritengo sia il modo per farci sentire vicini a tutti i cittadini e in modo particolare alle famiglie dei defunti. Colgo l’occasione di ringraziarVi per tutto quello che state facendo in questa situazione così drammatica. Insieme ce la faremo!

Con infinita cordialità

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, anche Natale e capodanno in casa: ristoranti chiusi, il nuovo Dpcm cambia direzione

  • Cantù, Lidl chiuso fino al 29 novembre per aver violato il Dpcm. Le scarpe non c'entrano nulla

  • Zona arancione, cosa si può fare a Como da domenica 29 novembre

  • Como, chiuso il bar Mitico: multati anche i clienti che consumavano sul posto cibi e bevande

  • Como in zona arancione da domani o dal 4 dicembre? Ma cambia poco

  • Como e la Lombardia da domenica volano in zona arancione, riaprono tutti negozi

Torna su
QuiComo è in caricamento