menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Partenze (repertorio)

Partenze (repertorio)

Fuga dalla Lombardia prima delle restrizioni: 200mila persone in partenza nel weekend

Inizia l'ultimo fine settimana disponibile per viaggiare: Sea prevede 80 mila viaggiatori in aereo, 50 mila prenderanno il treno e gli altri si sposteranno in auto

Ancora prima che ieri sera, 18 dicembre, il premier Conte annunciasse il tanto atteso Dpcm di Natale, in tantissimi stavano organizzando i loro spostamenti prima di rimanere, a causa delle restrizioni, bloccati in Lombardia. I numeri di questo (prevedibile) piccolo esodo sono però impressionanti, e ricordano quanto avvenne durante il primo lockdown nelle principali stazioni e aeroporti italiani.

Gli aeroporti e la stazione Centraledi Milano, attendono circa 130 mila persone a cui si aggiungono coloro che si sposteranno con l'auto. Si calcola che viaggeranno, in Lombardia, circa 200 mila persone in tutto.

L'attesa negli aeroporti di Malpensa e Linate è rispettivamente 56 mila e 24 mila persone per tutto il weekend, quindi circa 80 mila viaggiatori. Significa -88% rispetto allo stesso weekend del 2019, numeri quindi bassi rispetto all'era pre Covid. Ma il 21 dicembre scattano le restrizioni sui viaggi fuori Regione.

Non si sono registrati, venerdì mattina, grandi assembramenti negli aeroporti, solo qualche coda qua e là. Le partenze sono più che altro verso destinazioni italiane, considerando che i viaggi all'estero sono anch'essi limitati sia dalle regole italiane sia da quelle degli altri Paesi. Il ricordo va immediatamente alla notte tra il 7 e l'8 marzo, quando in Lombardia era stato annunciato il lockdown (che sarebbe poi scattato in tutta Italia) e migliaia di persone riempirono i treni per il sud, ultima occasione per trasferirsi.

Quasi esauriti biglietti Frecciarossa

E sul fronte ferroviario sono pressoché esauriti per venerdì i biglietti per i Frecciarossa da Milano a Napoli, mentre restano pochissimi posti per sabato e domenica. I treni viaggiano al 50 per cento della capienza per rispettare i distanziamenti anti Covid, e il numero di convogli in circolazione è circa un terzo del normale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento