menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lombardia in guerra con Roma anche sulla scuola

L'assessore Rizzoli vuole risposte da Azzolina su come riprendere l'anno scolastico in corso e su come iniziare il prossimo

La guerra tra Regione Lombardia e Stato si combatte oramai su più fronti senza esclusione di colpi. Una battaglia politica sempre più feroce e sempre combattuta sullo stesso campo infestato dalla pandemia. Tema ultimo quello della scuola e dalla sua eventuale ripresa sempre più difficile, anche alla luce del recente decreto.  

"Dopo aver dovuto attendere oltre un mese l'incontro con il Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina - commenta l'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Melania Rizzoli - abbiamo dovuto assistere ad una riunione surreale a cui non avremmo mai pensato di poter assistere". 

Regione Lombardia, insieme alle altre regioni italiane, ha posto un serie di domande specifiche e urgenti al Ministro senza ricevere però sufficienti risposte. 

"Tra i molti temi posti all'attenzione del Ministro - chiarisce l'assessore Rizzoli - abbiamo incluso: modalità di prosecuzione dell'anno scolastico in corso e avvio del prossimo, risorse per didattica digitale, detrazione per le spese delle scuole paritarie, regole per la formazione professionale e gli ITS e i fondi per il sistema 0-6".

"Il Ministro - rimarca l'assessore Rizzoli - non solo non ha risposto alla gran parte delle domande ma, dopo essere stata incalzata, ha abbandonato l'incontro interrompendo il suo collegamento video e lasciando gli assessori regionali davanti ad uno schermo vuoto". 

"Speravamo che dopo lo sgarbo istituzionale di aver approvato il decreto scuola senza incontrare le regioni - ha aggiunto l'assessore - il Ministro intendesse avviare, finalmente, un confronto serio e pragmatico. Questo non è avvenuto e non possiamo che dirci preoccupati e sconfortati".

"L'incontro di questa mattina - stigmatizza Rizzoli - certifica che la scuola italiana è in pessime mani e il rischio che si intravvede e che i nostri giovani pagheranno il conto della totale inadeguatezza di questo Ministro. Non avendo avuto neppure l'indicazione di una data per un futuro confronto non possiamo augurarci altro se non che, almeno nel dibattito parlamentare, possano trovare spazio le nostre istanze". (LNews)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia in zona gialla (rafforzata) dal 26 aprile: cosa riapre

Ultime di Oggi
  • social

    Fare il vino a Como, un sogno che diventa realtà

  • Coronavirus

    Per Como ultima settimana in zona arancione?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento