Coronavirus Piazza Giovanni Amendola

La lettera di Paolo, barista di Como: "Cari Governo e Cts, incolpate la movida ma siete voi i responsabili"

Le domande senza risposte di un piccolo imprenditore massacrato dalle restrizioni

Non è solo una "strigliata" nei confronti di chi siede nella stanza dei bottoni, ma è anche e soprattutto uno sfogo e una richiesta d'aiuto la lettera aperta che Paolo Ceruti, titolare del Cornobobò di piazza Amendola a Como, ha indirizzato al Governo e al famigerato Comitato tecnico-scientifico. Le domande che Paolo pone alla politica e ai consiglieri scientifici sono semplici e chiare e richiedono risposte altrettanto schiette.

“Carissimi” Governo Tecnico e Comitato Scientifico,
Mi chiamo Paolo Ceruti e sono il titolare di un WineBar sito in Como; WineBar che da Novembre 2020 è chiuso per merito Vostro in quanto il mio orario di apertura coincide con quello di chiusura disposto dai Vostri decreti.
Chiuso nonostante sia in possesso di tutti i requisiti da Voi richiesti per poter lavorare in sicurezza: sanificazione, ingressi contingentati, numero massimo di posti a sedere ecc.
Penso, perciò, di parlare a nome di una intera categoria penalizzata dalle Vostre decisioni che aspetta a tutt’oggi una risposta esaustiva ad una semplice domanda: Perché?
Perché non mi è permesso lavorare dopo le 18:00 ? prima mi sarebbe consentito con lo stesso tipo di locale, clientela, prodotti e restrizioni ma dopo no. Cosa succede di così particolare dopo quell’ora per cui tutte le misure diventano improvvisamente inefficaci o non sufficienti al contenimento del virus?
Perché nonostante sia chiuso come tantissimi del mio settore sento ancora a distanza di mesi la mia categoria usata come capro espiatorio dell’aumento dei casi di Covid?
Facciamo un passo indietro all’estate 2020.
Da lì si è coniato il termine “MOVIDA” per colpevolizzare una categoria di locali pubblici come responsabili dell’emergenza sanitaria dell’Ottobre scorso.
Bene. 
Nessuno però ha ancora provato a giustificare con dati “reali” questa accusa perché, di fatto, non esistono.
L’estate scorsa le persone hanno vissuto più o meno liberamente la propria vita perché Voi glielo avete permesso, non perché i locali le hanno incentivate a farlo.
Inoltre, a livello, medico non trova alcun riscontro il fatto che i casi siano passati da quasi 0 a migliaia improvvisamente a distanza di 2\3 mesi dalla sopracitata estate. Quando sappiamo ormai tutti che l’incubazione del virus è di una decina di giorni.
Casualmente lo stesso lasso temporale che è passato dalla riapertura delle scuole a metà settembre e il conseguente congestionamento dei mezzi pubblici (bus, metro, treni).
Forse è stato più facile colpevolizzare i giovani ed i locali da loro frequentati mesi prima, che ammettere di non aver preso per tempo misure corrette e preventive per un rientro scolastico in sicurezza?
Qual è stata allora la Vostra soluzione?
Zona Gialla, Arancio e Rossa?
Cari Signori questa non è una soluzione dettata dal Virus ma dalla Vostra negligenza ed è solo un palliativo che non ha fatto bene a nessuno, semmai ha creato solo confusione e comportamenti difficili da controllare.

cornobobò-2

Dopo mesi di “lockdown” accuratamente mascherato, credevate che al primo allentarsi delle misure la gente non si sarebbe riversata in strade e piazze per godersi un po’ di aria fresca?
Gli assembramenti dell’estate scorsa sono niente rispetto a quelli che state generando ora.
Certo perché ostinandovi a tenere chiusi ristoranti e bar dopo le 18:00, fate solo in modo che prima di quell’ora migliaia di persone cambino le loro abitudini e si concentrino tutte negli stessi posti alle stesse ore.
Complimenti!
Torno perciò alla mia domanda iniziale. Perché?
Perché se avete imposto agli esercizi commerciali restrizioni e regole per lavorare in sicurezza obbligate poi gli stessi a limitazioni di orari? Se un ristorante può lavorare con le suddette regole a pranzo (rischiando in questo periodo di fare anche tre turni) cosa gli dovrebbe impedire di farlo a cena?
Per assurdo abolire gli orari andrebbe solo a favorire il distanziamento sociale, perché così come è vero che si avrebbe lo stesso numero di individui in giro è altrettanto vero che sarebbe scaglionato su un numero maggiore di ore. Scusate ma anche un bambino delle elementari che sta studiando gli insiemi sarebbe in grado di arrivarci.
Lasciateci lavorare e di conseguenza vivere perché se non ci uccide il Virus lo fate Voi.
Aumentate pure i controlli come in altri Paesi. Sarei il primo ad essere d’accordo. Ma che siano controlli seri e indiscriminati. Nel senso che devono riguardare la collettività e non solo gli esercenti.
Pensate forse che a Novembre, Dicembre e Gennaio scorsi con chiusure a tappeto e coprifuoco i più o meno giovani non si siano organizzati con ritrovi in case o posti non localizzabili? 
Certo che lo hanno fatto e con l’aggravante che nessuno poteva minimamente controllare!
Concludo, confidando che questo mio pensiero possa giungere ad un orecchio capace di ascoltare e che quanto prima si creino i presupposti per tornare con consapevolezza ed educazione civica, ad una vita degna di chiamarsi tale.

Paolo Ceruti 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lettera di Paolo, barista di Como: "Cari Governo e Cts, incolpate la movida ma siete voi i responsabili"

QuiComo è in caricamento