menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ventinove nuovi medici si sono laureati a distanza all' Università dell’Insubria

Una scelta coraggiosa, la definisce Giulio Carcano, presidente della Scuola di Medicina dell’ateneo

Proseguono le lauree a distanza all’Università dell’Insubria ed è la volta dei primi medici: sono ventinove e hanno discusso le loro tesi tra ieri e oggi, collegati con i membri della commissione attraverso la piattaforma Microsoft Teams utilizzata per il periodo di emergenza Covid19. Presidenti delle quattro sedute, che hanno coinvolto in tutto ventiquattro professori, sono stati: Anna Maria Grandi, Marco Mario Ferrario, Paolo Castelnuovo e Giulio Carcano.

«Mi congratulo con tutti i nostri neo-dottori – dice Giulio Carcano, presidente della Scuola di Medicina dell’ateneo – per la preparazione che hanno dimostrato, l’alto livello delle tesi discusse e per il coraggio della loro scelta, oggi ancor più importante e significativa. Sono ormai pronti ad affrontare il lavoro: questo tempo, eccezionale quanto inatteso, è propizio per prendersi cura delle persone da subito».

E una lode per queste lauree conseguite in giorni così speciali arriva anche da Marco Ferrario, presidente del corso di laurea di Medicina e Chirurgia, che sottolinea «l’impegno dei docenti divisi tra didattica e lavoro sul campo per contrastare il Covid19.  Le nuove disposizioni legislative consentono un percorso facilitato: è stato infatti derogato il normale iter di abilitazione per i nuovi medici. Il tirocinio curriculare, effettuato prima o dopo la laurea, risulta adeguato per essere abilitati e potersi iscrivere all’Ordine ed esercitare la professione». All’Insubria i primi medici laureati secondo la nuova normativa saranno quelli della sessione di luglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Avanza l'ipotesi zona rossa per tutta la Lombardia dall'8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

QuiComo è in caricamento