Fontana: "Quello di Conte è uno schiaffo ai lombardi"

Il governatore imbufalito per la zona rossa all'ora di cena

Conte

Non si placano le polemiche tra il governatore lombardo della Lega Attilio Fontana e il premier Conte, che ieri poco dopo le 20 ha annunciato il nuovo lockdown e soprattutto l'inserimento della Lombardia in zona rossa. “Comunicare ai lombardi e alla Lombardia, all’ora di cena, che la nostra regione è relegata in fascia rossa senza una motivazione valida e credibile non solo è grave, ma inaccettabile"

"A rendere ancor più incomprensibile questa decisione del Governo sono i dati attraverso i quali viene adottata: informazioni vecchie di dieci giorni che non tengono conto dell’attuale situazione epidemiologica”. Lo sfogo del presidente della Regione Lombardia, Fontana, sono arrivate a caldo dopo le parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.  “Le richieste formulate dalla Regione Lombardia, ieri e oggi, dunque - conclude Fontana - non sono state neppure prese in considerazione. Uno schiaffo in faccia alla Lombardia e a tutti i lombardi. Un modo di comportarsi che la mia gente non merita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo dpcm firmato: il calendario delle regole dal 18 gennaio al 5 marzo

  • Nuove restrizioni dal 16 gennaio al 5 marzo, ora si decide se la Lombardia parte arancione o rossa

  • Lombardia e Como in zona arancione da lunedì 11 gennaio: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Como, Alberto apre il suo bar in centro: arriva il controllo della polizia locale

  • Como, cosa aspettarsi dal nuovo Dpcm del 16 gennaio: spostamenti, coprifuoco, ristoranti e palestre

  • Con la Lombardia in zona rossa addio scuola in presenza

Torna su
QuiComo è in caricamento