Domenica, 24 Ottobre 2021
Coronavirus

Figliuolo: "La Lombardia era partita male con i vaccini ma adesso è sopra la media"

Secondo la vicepresidente della Regione in Lombardia verranno presto inoculate 144mila dosi di vaccino al giorno

La campagna vaccinale anti-covid in Lombardia era partita male "soprattutto per gravi problemi ai sistemi informativi" che "sono stati risolti, anche grazie alla struttura commissariale". Lo ha detto il commissario straordinario all'emergenza, Francesco Paolo Figliuolo, in audizione davanti alla commissione Bilancio della Camera nella giornata di lunedì 7 giugno. Ma dopo i primi passi falsi iniziali "la Regione ha manifestato tutte le sue grandissime capacità. Oggi è sopra la media in quasi tutte le classi di età" e "sta facendo benissimo il piano", ha aggiunto il commissario.

La Lombardia ha messo il turbo ai vaccini

Nei prossimi giorni il sistema di prenotazione del vaccino in Lombardia verrà aggiornato: da fine giugno — come aveva chiesto Figliuolo nei giorni scorsi — si potrà cambiare il giorno del richiamo del siero se questo rappresenta un problema anche solo legato alle ferie. Un modo per allargare quanto più possibile la platea delle immunizzazioni.

Ora l'Italia punta a immunizzare l'80% della popolazione

Il governo ha un obiettivo: raggiungere entro il 30 settembre 2021 "l'80% della popolazione nazionale". In numeri? "Con la platea over 12 anni, a cui è autorizzata la somministrazione del vaccino dallo scorso 3 giugno, la popolazione da vaccinare è composta da circa 54,3 milioni", ha spiegato Figliuolo. La situazione sta migliorando nettamente col passare dei giorni e l'aumentare delle dosi: "Da inizio campagna sono state effettuate oltre 38,2 milioni di somministrazioni e, dalla metà di maggio, il numero medio delle somministrazioni settimanali si è attestato a circa 3,5 mln, in linea con i target prefissati", ha spiegato il generale.

La Lombardia vuole arrivare all'80 prima di settembre

"A oggi siamo vicini all'immunità di comunità, che si raggiunge con circa il 70% della popolazione vaccinata dai 12 anni in su. Questa è la situazione in Lombardia. Speriamo di arrivarci prima di settembre all'80% di vaccinati, sempre considerando le varianti, ma siamo pronti a eventuali code di Covid". Lo ha detto la vicepresidente della Lombardia, Letizia Moratti, a margine dell'inaugurazione dell'hub vaccinale di Unipol nella giornata di lunedì.

"In Lombardia - ha sottolineato - oggi siamo a 6,6 milioni di prime dosi somministrate, e anche questo sabato e domenica abbiamo superato le 100mila somministrazioni al giorno. Confermo che siamo in grado di arrivare a 144mila dosi al giorno nei nostri centri massivi. Con 100mila vaccinazioni al giorno - aggiunge - arriveremo a una prima dose a tutti gli aventi diritto entro il 30 luglio, se le dosi saranno maggiori abbiamo ipotizzato il 10 luglio".

© Riproduzione riservata

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Figliuolo: "La Lombardia era partita male con i vaccini ma adesso è sopra la media"

QuiComo è in caricamento