Domenica, 24 Ottobre 2021
Coronavirus

Festa in Svizzera, tanti ticinesi a Como: ma chi di loro ha fatto tampone o quarantena?

Fino al 15 maggio le regole per l'ingresso in Italia sono chiare

In occasione della festività svizzera dell'ascensione numerosi ticinesi hanno visitato Como. Non è un caso che durante la mattina del 13 maggio le strade del centro storico sono apparse più vive del solito per essere giovedì. Diversi negozianti e baristi della città murata hanno confermato che tra i loro clienti ci sono stati diversi ticinesi. ma quanti di loro hanno rispettato le norme anti-covid sugli spostamenti in ingresso in Italia?

La Svizzera rientra nel cosiddetto "Elenco C" nel quale il Ministero della Salute annovera tutti i Paesi per i quali vigono determinate regole. Stando all'ordinanza minesteriale del 16 aprile 2021, chiunque provenga da uno di questi Paesi dopo avervi soggiornato o transitato negli ultimi 14 giorni "deve essersi  sottoposto nelle  quarantotto  ore  antecedenti  all'ingresso   nel   territorio nazionale ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi  per mezzo di tampone". Inoltre nel caso di permanenza prolungata su suolo italiano va comunicato l'indirizzo al quale si intende effettuare il periodo d'isolamento fiduciario.
A queste regole sono previste alcune deroghe. I presupposti per tali deroghe contemplano in generale motivi di salute, urgenza e necessità. Insomma, la passeggiatina sul lungolago non rientra certo tra le motivazioni che ammettono deroghe. Difficile, però, credere che ogni ticinese che era a Como nella mattinata del 13 maggio 2021 abbia effettuato un tampone entro le 48 ore precedenti (il cui risultato, ovviamente, deve essere negativo).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa in Svizzera, tanti ticinesi a Como: ma chi di loro ha fatto tampone o quarantena?

QuiComo è in caricamento