Coronavirus, fase 2: le perplessità di Fontana e l'abituale silenzio di Como

Il governatore chiede regole certe per la Lombardia

Controlli a Como

Con le prime riaperture, la possibilità di fare sport all'aria aperta e di fare visita "ai congiunti" ha preso forma la fase due dell'emergenza che scatterà il 4 maggio, come annunciato dal primo ministro Giuseppe Conte. Ora sul Lario si resta in attesa di capire come saranno recepite e attuate le nuove misure in provincia di Como e soprattutto in città - dove anche sulla questione cimiteri il sindaco e la sua giunta non hanno fornito nessuno risposta alle numerose richieste. Intanto - se a Milano da giorni è già stato predisposto un ricchissimo documento, una sorta di piano Marshall per la fase 2 - la giunta lombarda presieduta da Attilio Fontana, proseguendo la sua personale battaglia contro il governo centrale, non sembra essere pienamente soddisfatta delle nuove misure e chiede più chiarezza. 

"Ripartenza? La Lombardia è pronta. Quando c'è da tirarsi su le maniche non diciamo mai di no - ha scritto Fontana in un post su Facebook -. Alcune cose, a partire dall’ennesima autocertificazione, non ci convincono ma rimaniamo attenti e collaborativi. Ci sono nodi da sciogliere: chi si prenderà cura dei figli dei lavoratori? Quando e come arriveranno i sostegni economici? Il governo come pensa di tutelare le famiglie? Sono domande ancora aperte che esigono risposte certe perché riaprire è urgente".

Il governatore, attraverso una nota, ha poi chiesto regole più concrete: "È fondamentale che da qui al 4 maggio, scadenza ormai prossima, ci siano regole chiare, certe e inequivocabili. E penso a quelle per l'utilizzo delle mascherine o a un protocollo univoco — ha aggiunto — da applicare a chi, rientrato al lavoro, risultasse poi positivo al Covid-19. Le proposte del Governo, con l'accordo delle Regioni, vanno verso una graduale riapertura delle attività a partire da cantieri e produzioni legate all'export".

"Sulla base dei dati sanitari e con l'obbiettivo primario della tutela della salute dei cittadini - ha concluso Fontana - bisogna prevedere puntualmente anche la riapertura di tutte le altre attività produttive e commerciali e le modalità del lavoro in smartworking. Il tempo a disposizione è pochissimo, i cittadini non possono essere avvisati all'ultimo momento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da sabato 17 ottobre arriva il Treno del Foliage

  • Autunno, tempo di castagne: ecco dove raccoglierle nei dintorni di Como

  • 3 cose che (forse) non sapete sul Faro di Brunate

  • Covid, firmata la nuova ordinanza in Lombardia: locali chiusi alle 24, niente visite alle RSA

  • Chef morto sul lago di Como: l'autopsia conferma la tragica caduta accidentale

  • Suona col sax 4 ore al giorno l'Ave Maria in centro a Como: la segnalazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
QuiComo è in caricamento